Robert Redford, 77 anni e una vita dedicata al cinema, racconta al settimanale Grazia come è riuscito in tutti questi anni a non perdere il contatto con se stesso e con il mondo reale. In particolare, allontanarsi da Hollywood e ritirarsi a vivere tra le montagne dello Utah è stata la sua salvezza:

Sono cresciuto in California, ma a un certo punto della mia vita ho sentito la necessità di prendere le distanze da Hollywood. Rischiavo di rimanere stritolato dai meccanismi del cinema e dal successo. Andarmene lontano è stata la mia salvezza. La carriera è rimasta radicata là, ma la mia vita personale per fortuna è da un’altra parte.

A spingerlo al trasferimento anche il suo grande amore per la natura, ‘scoperta’ quando ha lasciato la California per frequentare il college in Colorado:

È allora che ho capito che la natura avrebbe avuto uno spazio enorme nella mia vita. Esistono poche cose più belle di un mare calmo al tramonto e più brutali di un mare in tempesta.

Parlare del suo passato è anche l’occasione per ricordare di quando era ragazzo:

Non sono stato uno studente modello. A scuola, la mia mente volava fuori dalla finestra e prestissimo ho capito che la cultura non me la sarei fatta tra i banchi, ma esplorando nuovi mondi e culture diverse dalla mia.

Ma non chiedetegli di tornare indietro nel tempo per quanto riguarda la sua carriera: lui è un uomo che ama vivere nel presente

La vita è fatta di alti e bassi. Ci sono momenti di gioia e momenti di tristezza. Ovviamente preferisco essere felice, ma non mi aspetto che duri a lungo. E non mi guardo mai indietro, meno che mai per ripensare alla carriera. Vivo nel presente.

Sarà questo il segreto del suo successo?

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Hollywood Leggi tutto