Povia è un tuttologo. Il cantautore milanese, infatti, ha una teoria per l’omosessualità, una per la crisi, un’altra per l’economia, un’altra ancora per la bellezza, probabilmente è anche a conoscenza del segreto dei calzini che spariscono nella lavatrice e del mistero del toast con la marmellata che cade sempre dalla parte della marmellata.

In questi giorni, Povia ha voluto condividere il suo sapere riguardante i terremoti. Rispondendo ad un suo fan che esprimeva seria preoccupazione riguardanti presunti test nucleari, esperimenti militari in mare e un imminente nuovo terremoto nel nostro paese (ed è ovvio che quando uno ha dubbi del genere si rivolge a Povia), il cantante ha risposto così:

Non ho le risposte per questa cosa e credo che nessuno abbia la certezza del “Gombloddo” ma molte cose non tornano. Si d’accordo, la terra è in continuo movimento naturale, ci sono scosse di assestamento etc ma la terra è anche popolata da 7 miliardi di persone che si muovono e questa potrebbe essere un’altra causa. Poi molti siti riportano notizie di esperimenti nucleari, chissà se c’è un fondo di verità..io credo che sia possibile. Parlano anche di una base di esperimenti oltre 1000 metri sotto l’Aquila.
Sarà vero?

Rispondendo direttamente al fan di Povia, io gli consiglio vivamente di rivolgersi ad una persona ben più seria, Adam Kadmon, ad esempio.

Tornando a Povia, invece, il feedback del web sulla sua ennesima uscita, che più che “infelice” io la definirei proprio “depressa”, è stato come sempre molto positivo. Molti siti hanno riportato la battuta (che purtroppo nelle intenzioni non era una battuta) e gli internauti si sono fatti una sana risata.

E Povia?

Il cantante, ovviamente, pur di non ammettere di aver scritto una cretinata, si è mostrato disposto a bluffare fino in fondo come si fa in una partita a poker:

Nessuno smentisce ciò che ha detto il Dottor Matsushita, scienziato del National Center of Atmosferic Research, che nel 1974 scoprì che dopo i test nucleari la ionosfera e il campo magnetico terrestre venivano disturbati per un periodo da dieci giorni a due settimane portando addirittura ad oscillazioni dei poli terrestri. “Non occorre essere scienziati per capire che in una situazione di forte instabilità puo’ essere sufficiente un soffio d’aria nella stanza. Immaginarsi un’esplosione nucleare, benchè dall’altra parte del mondo.” E quindi anche 7 miliardi di persone che si muovono, potrebbero contribuire con il loro movimento in un determinato punto della terra.

In compenso, Povia ha fatto progressi: perlomeno, in questo caso, non ha dato la colpa dei terremoti ai gay.

(Grazie Paolo Bonolis, per aver lanciato Povia a Sanremo 2005, grazie mille!)

Foto | © Getty Images

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto