Fabrizio Corona, la mamma Gabriella: "È arrabbiato, contro di lui accanimento giudiziario"

La signora Corona assicura che il figlio "ha un grande affetto verso Nina Moric" e anche se "lui la rimprovera", alla fine "le vuole molto bene e la protegge"

Ospite di Federica Panicucci a Mattino Cinque, la mamma di Fabrizio Corona, la signora Gabriella, ha raccontato che il figlio, in questo momento nel carcere di Opera, "è molto arrabbiato per l'ingiustizia che ha subito, perché questi anni sono tantissimi rispetto ai reati commessi". Dopo aver spiegato che a pesare sulla condanna sono stati anche alcuni "errori fatti dagli avvocati", ha ribadito:

C'è stato proprio un accanimento giudiziario nei suoi confronti.

Lady Corona ha poi raccontato perché il figlio (che può incontrare al massimo per 6 ore) ha scritto il libro Mea culpa, in uscita proprio oggi:

Aveva voglia di ribellarsi, ha voluto reagire verso questa ingiustizia che ha subito. Ha scritto fiumi di parole, come una sorta di autoanalisi, è stata una catarsi. Io il libro fino a ieri non lo avevo letto, l'ho letto tutto di un fiato: è un libro bellissimo, mi sono commossa, ho pianto. Ho ritrovato in quelle pagine il Fabrizio che ho cresciuto.

E com'era il Fabrizio di quei tempi?

Un ragazzo con grandi valori, che ha dovuto seppellire in un periodo perché si è autoconvinto di essere un eroe negativo dei fumetti. Ha commesso degli errori, non così gravi da meritare tutto ciò che sta subendo.

La signora Gabriella ha ribadito che "la giustizia non è stata giusta con Fabrizio" e ha auspicato "che tutto questo possa essere riparato" in quanto "non si può rovinare la vita di un giovane solo perché ha commesso dei reati non gravi".

Quando Corona è fuggito, dopo essere stato condannato dalla Cassazione per estorsione nei confronti dell'ex calciatore David Trezeguet, la mamma ha "pensato che sarebbe anche morto, che avrebbe potuto fare di tutto. Volevo solo vederlo".

Una volta arrestato, il ritorno in Italia "è stato uno dei momenti più brutti: l'ho visto in manette, con tante persone intorno, sembrava un delinquente. Mi sono sentita veramente persa, ho sofferto molto".

La signora Corona ha quindi spiegato che il figlio ha vissuto male il trasferimento dal carcere di Busto Arsizio a quello di Opera, anche se "adesso si sta abituando all'ambiente, è ben voluto, ha legato con gli altri detenuti" in quanto lui "è un ragazzo molto affettuoso, una persona solare".

Si è parlato anche degli amori vissuti dall'ex manager dei fotografi: così Belen Rodriguez ha contibuito a riavvicinare Fabrizio alla amma, mentre la lettera contenuta nel libro e indirizzata all'ex moglie Nina Moric è molto più rancorosa:

Ha un grande affetto verso Nina, che ha avuto anche dei momenti di cattiveria. Hanno avuto dei problemi di vario genere, però Nina è una persona che ha amato profondamente, è la mamma di suo figlio. Lui la rimprovera, però alla fine le vuole molto bene e la protegge.

In particolare, ha detto la signora Gabriella, Fabrizio non ha apprezzato il fatto che la Moric abbia portato il figlio Carlos in carcere dopo molto tempo dall'arresto del padre.

Nel finale la signora Gabriella ha ammesso che il figlio ha commesso atti immorali e che "è stato molto concentrato su se stesso, è narcisista, è un aspetto patologico". Però ha ribadito le sue critiche alla giustizia che finora ha condannato Fabrizio ad un totale di 14 anni di carcere, che corrisponderebbero a quelli da infliggere per il reato di "omicidio con rito abbreviato", mentre "mio figlio ha fatto reati stupidi".

Per chiudere l'appello a Fabrizio:

Non dimenticarti mai di quello che sei, di quello che sei stato, della tua famiglia, i tuoi valori. Cerca di capire cosa conta davvero nella vita.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: