Storie di ordinaria follia nel daytime di RaiUno. Nella puntata di oggi di Unomattina Magazine, visibilmente registrata nonostante la finzione della diretta, i trashissimi ospiti hanno raccontato alcuni aneddoti natalizi vicini e lontani. A un certo punto è arrivato il turno di Maria Scicolone, che ha tirato fuori una storia clamorosa. A quanto pare, qualche Capodanno fa ha avuto l’onore di avere a casa sua, grazie alla sorella Sofia Loren, nientemeno che Michael Jackson.

“Arriva, bussa alla porta e chiede se può andare in ascensore. Va all’ultimo piano, va su e giù come un disperato. Io non ho una casa molto grande, però ho un terrazzo coperto. Vede la camera da letto delle mie figlie e la mia. E mi chiede se può saltare sui letti. Guardo Sofia e le dico ‘Ma chiss è pazz’. Chi mi hai invitato?’ Neanche una scimmia poteva saltare così. Faceva dei salti con la testa al soffitto, su tutti i letti”.

A quanto pare la popstar era inizialmente scettica verso la cucina italiana:

“Mia sorella mi ha detto di fare il ragù di carne e la pizza, pensando potesse piacergli. Lui non lo sapeva. Michael Jackson, perciò, è arrivato a casa mia con un cuoco. E’ entrato e dice ‘questo è il mio cuoco’. Ma come? Io ho fatto la pizza? ‘Va bene’, mi fa Sofia, ‘non mettiamo in discussione, lui è abituato così’. Ho cucinato io, mica mi offendo. Arriva il cuoco e porta un vassoio con la frutta tagliata, le mele fatte come un asinello e altri frutti come tanti altri animaletti. Una cosa estremamente raffinata. Io arrivo col vassoio con le pizze profumate. Lui lo prende e ha mangiato tre pizze, se ne è andato con una panza. Ha tolto il vassoio di frutta dicendo ‘not today’. E’ arrivato magro e se ne è andato grasso. Non la finiva più di mangiare”.

Poteva mancare il momento esibizionista?

“Ha fatto un’altra cosa. A un certo punto mi fa ‘Mi posso affacciare alla finestra?’. Io abito al primo piano. Si affaccia alla finestra con una delle sue divise, mentre passava il tram. Tutti che guardavano. Si è fermata tutta la serie di tram sotto casa mia. Io gli ho detto: ‘Michael, tu devi tornare dentro, oggi mi fai fare un guaio’. Finalmente l’ho tirato dentro e ho chiuso. E’ stata una favola”.

Peccato che queste storie assurde escano fuori mentre nessuno dall’aldilà può avere nulla da obiettare… Ma, d’altronde, che altro aspettarsi da un programma di Lorella Landi?

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Italiano Leggi tutto