Anche Nicole Kidman è stata vittima di stalking

nicole kidman stalking

Sono sempre di più le donne dello spettacolo che decidono di raccontare la terribile esperienza di vittime del reato di stalking. In Italia Michelle Hunziker è sicuramente colei che si è spesa di più per raccontare cosa voglia dire essere perseguitate continuamente da sconosciuti con telefonate, sms e appostamenti sotto casa.

A Hollywood poi il fenomeno ha delle connotazioni gigantesche: stiamo parlando di super star, conosciute e adorate in tutto il mondo, costantemente sotto i riflettori e per questo sottoposte più di qualunque altro al rischio di attenzioni indesiderate da parte di qualche malintenzionato. E' successo anche a Nicole Kidman, che nel 2001 denunciò un presunto stalker. Ma Nicole solo oggi al The Sun ha deciso di raccontare pubblicamente un episodio di stalking che la vide protagonista quando aveva solo 18 anni e non era ancora la super attrice che oggi conosciamo:

E' stata un esperienza terrificante, avevo diciotto anni e un uomo iniziò a inseguirmi, dovunque andassi. Era più grande di me e aveva lunghi capelli bianchi. Aveva scoperto dove vivevo e iniziò a telefonarmi a casa. Tutto nacque una sera mentre ero seduta in un pub e lui mi fissò tutto il tempo, dicendo poi in giro che era un mio amico.

Invano la Kidman tentò di parlare con la polizia. A quell'epoca lo stalking non era reato:

Cercai di spiegare la situazione alla polizia ma loro mi dissero che avevano le mani legate perché non aveva usato violenza fisica. Che situazione assurda, possibile che non si possa far nulla contro queste persone che procurano danno psicologico?

Fortunatamente oggi esiste una legge, sia in Usa che in Italia, che tutela le persone vittime di persecuzione. Il fatto che una star del calibro della Kidman ne parli pubblicamente è sicuramente un segnale importante: mai abbassare la guardia.

Via|Tgcom

  • shares
  • Mail