L'amore tra Lele Mora e Fabrizio Corona, Noemi Letizia ed Emilio Fede: Fabrizio Chiesa Soprani,l'agente dei vip, svuota il (suo) sacco

corona mora fede noemi letizia

Francesco Chiesa Soprani è il nome di un agente dei vip, collegato ed emerso durante le indagini di Vallettopoli. Ha rilasciato un'intervista su Vanity Fair e ha quindi vuotato il sacco sul suo passato lavorativo e sul legame con diverse celebrità. Per esempio, Lele Mora...

"L’ho incontrato nel giro dei locali. Era il 1992. Nel Duemila mi sono trasferito a Milano e ho cominciato a fare scouting e a vendere serate nelle discoteche, per lui e per altri. Nel 2003 mi sono messo in proprio. Ho visto nascere e morire la società Mora/Corona, ho assistito alle loro liti e riappacificazioni, so tutto del loro amore. […] Mora è sempre stato innamorato di Fabrizio e hanno avuto una storia, dal 2003 al 2010. Me l’ha detto Corona stesso. Nina Moric l'ha sposata, ma non credo ne fosse innamorato. Si faceva mantenere da lei, che guadagnava tantissimo con le serate"

Vi ricordate delle voci sulla relazione tra Mora e Fabrizio Corona, no? Prima era emersa questa dichiarazione rilasciata durante un interrogatorio, poi ritrattata dall'agente dei vip che aveva ridimensionato il tutto. E ora questa ennesima presunta verità da una persona che sembra conoscerli molto bene... Ma non è tutto qui:

Sul rapporto lavorativo con Emilio Fede è altrettanto chiaro: spiega il suo punto di vista 'professionale' e personale, senza risparmiarsi un commento sulla vicenda delle Arcorine:

"Una ragazza non va per così tante volte ad Arcore per guardare Berlusconi negli occhi. E poi conosco bene Emilio Fede e il suo metodo […] Ho collaborato con il direttore dal 2004 al 2007. Gli mandavo aspiranti meteorine. Sapevo che servivano ragazze disponibili. Io le mettevo in guardia in modo che potessero decidere che cosa fare. Qualcuna poi mi ha raccontato […] che, se erano disponibili, era più probabile che venissero scelte per il programma"

Ha contattato anche Noemi Letizia dopo lo scandalo che l'aveva travolta. Il padre della ragazza voleva lanciare la figlia con un'immagine diversa da quella emersa fino ad allora. Firmarono un'esclusiva per sei mesi, ma non andò come lui avrebbe voluto:

" Era molto difficile piazzarla perché, sebbene fosse convinta di essere in grado di recitare, cantare e ballare, non sapeva fare nulla. Le ho procurato alcune serate in discoteca, ma secondo me erano controproducenti. Avrebbe dovuto star ferma un anno, studiare, e poi magari sarebbero nate occasioni interessanti. Invece il padre non ha voluto ascoltarmi"

Fonte | Vanity Fair via | TvBlog

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: