Selvaggia Lucarelli senza freni tra il Grande Fratello e l'Isola dei Famosi. E su Simona Ventura... - Intervista esclusiva di Gossipblog

Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog

Abbiamo contattato Selvaggia Lucarelli per un'intervista esclusiva. Esplosa con il suo blog (qui il suo sito), è stata (ed è ancora) opinionista in molti salotti televisivi.

Nella sua carriera, ha recitato anche a teatro, accanto a Max Giusti e come concorrente alla Fattoria, edizione di successo condotta da Barbara d'Urso. E' nota per la sua ironia pungente ed efficace. Nella vita privata, si è sposata con Laerte Pappalardo, figlio del celebre Adriano, e ha avuto un bambino, Leon. Quando la loro storia è finita, Selvaggia è stata paparazzata insieme al cantante Morgan, che ha frequentato per un periodo, mentre Laerte è ora concorrente all'edizione numero 8 dell'Isola dei Famosi. Così, le abbiamo fatto delle domande sul suo ex compagno, sulla sua vita, sui reality. E, come potrete leggere, le sue risposte generano sempre interesse, perchè non banali o troppo diplomatiche:

Partiamo subito dal dire: Io adoro il tuo blog. Lo trovo divertente, pungente e accattivante. Come ti è nata l'idea? Quanto tempo ci ha messo ad 'esplodere' tra il pubblico?
Io lo so. Il giorno in cui il prete mi darà l'estrema unzione, prima di ungermi la fronte, mi chiederà:"Prima di schiattare, non è che mi direbbe come le è venuta l'idea del blog, signò?". Ci sono persone a cui una domanda rimane appiccicata addosso per secoli. Che so, per Albano "Come mai è finita tra te e Romina?" o a Luca Argentero "Ti sei pentito di aver fatto il Grande fratello?". A me è toccato il blog. E' nato perchè otto annia fa un mio caro amico,Claudio, per il mio compleanno ha deciso di regalarmi un sito con blog incluso. Sapeva che ero affascinata dall'idea di avere un diario virtuale perchè leggevo sempre il "Mumble mumble" di Jovanotti che era un blog a tutti gli effetti anche se con un nome di battesimo diverso. Non c'è stata alcuna strategia a monte ma solo molta fortuna. L'ho aperto nell'attimo propizio, i blog stavano esplodendo come nuovo fenomeno web e letterario e io ero nel posto giusto al momento giusto. Certo, poi c'era il fatto che me ne fregavo (e me ne frego) del reato di lesa maestà per cui il blog ha avuto successo perchè divertente e spregiudicato, perché avevo (ed ho) una certa avventatezza nel lanciare terra aria su personaggi ritenuti intoccabili dalla stampa e dalla tv. Sono irriverente e ironica per vocazione. I tempi sono stati rapidi, il blog è esploso in un paio di mesi.

Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog

Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog
Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog
Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog
Selvaggia Lucarelli intervista a Gossipblog

Nel blog non risparmi critiche verso i personaggi della tv e dello spettacolo: querele ci sono mai state?
Una sola in molti anni. E me la sono beccata pochi mesi fa da Alessia Mancini, l'aspirante Miss Italia su cui sollevai il dubbio che fosse un transessuale. Con tutti quelli che pagano per avere la compagnia di un transessuale c'è pure gente che s'offende per l'etichetta, ma dimmi tu. Per il resto molte teste mozzate d'alce davanti alla porta, qualche lettera all'antrace, un paio di the al polonio e velate minacce estese a tutti i miei parenti fino alla quarta generazione, ma da un punto di vista legale nulla di rilevante.

Tra le numerose esperienze della tua carriera, ti vediamo come attrice teatrale, conduttrice, opinionista. Da qualche anno però hai messo da parte il teatro. Cosa preferisci in questo elenco?
Non preferisco nulla a priori. Dipende dallo spettacolo teatrale e dalla trasmissione televisiva. Preferisco fare l'opinionista in un bel programma piuttosto che la conduttrice di un brutto programma. Il teatro è stato un grande amore ma (è un mio limite) io da buona esibizionista amo le grandi platee. Questo non vuol dire che desideri piacere a tutti, anzi. Mi piace dividere e coltivarmi la mia nicchia allargata. Sai che palle rivolgersi a un club ristretto di gente che se la canta e se la suona e che finisce per darsi a quella bizzarra pratica sessuale che è l' onanismo di gruppo.

Sei spesso ospite di Barbara d'Urso, ultimamente e si parla del Grande Fratello. Che ne pensi di questa edizione e delle coppie formatesi? Credi a tutte di loro?
Credo che la coppia migliore sarà quella che si formerà fuori dalla casa, ossia quella composta da me e Andrea Cocco. Sono pazza del geisho, sia messo agli atti. Per il resto, e' stata una bella edizione. Forse una delle migliori. Pochi fenomeni da baraccone (a parte Nando, Giordana e la Tavassi, ma so' ragazzi), molti concorrenti che conoscono la differenza tra congiuntivo e congiuntivite (Davide, Angelica, Andrea, Margherita) e una sinossi piena di conflitti e drammi sentimentali che Centovetrine al confronto è il menage familiare della coppia Palombelli/Rutelli. E poi i personaggi erano meno stereotipati del solito: Rosa Baiano, la Marilyn Monroe del Vomero, bella ma sfigata in amore. Davide Baroncini, il maschilista redento dall'amore come l'orco Shrek. Margherita, la più istruita e brillante della casa che si va innamorare dell'anello di congiunzione tra la scimmia e Er Cipolla. (Nando) Andrea Cocco (aridaje), l'unico esemplare di maschio sul pianeta Terra in grado di essere contemporaneamente bello come il sole, educato, fedele, devoto, servizievole, simpatico, capace di cucinare, stirare, lavare, rassettare, piangere, incassare le corna con dignità e schiaffare una lingua in bocca quando è il caso.

Nando si è bruciato il successo con un'intervista alle Iene: cosa ne pensi delle sue uscite?

Penso che il successo facile sia una bestia feroce. Che come tutti i grandi privilegi (la ricchezza, la bellezza...) vada maneggiato con cura e che se non hai gli strumenti (cultura, carattere, buonsenso) per gestirlo ti possa fregare. Nando è un poveretto e a me quelli che infieriscono su gente senza strumenti per difendersi non piace. E' uno sport troppo facile. Non mi è mai piaciuta nemmeno "La corrida" perchè si fa beffa del vecchietto convinto di essere Fred Astaire o del poeta sgrammaticato, figuriamoci se posso fare l'applauso a chi va a distruggere il sogno di Nando. Poveri disgraziati come Nando del Grande fratello spremuti, cannibalizzati, trattati come feccia da espellere il prima possibile dallo scintillante mondo che gli è stato fatto annusare. Sei un povero troglodita senza strumenti? Bene. Un bel personaggio da reality. Però, esaurita la tua funzione a metà tra il National Geographic e il “Facce ride!”, a casa a calci nel culo. Possibilmente coi fuochi d’artificio. Anzi, facciamo vedere che ti sei montato la testa. Ma sì. Sei abbastanza sfigato da fare da capro espiatorio. Ti mandiamo le iene e mostriamo al popolo che spocchioso calcolatore sei diventato. Mostriamo quanto schifo fanno i vip. Già. Ora la domanda è: perché non fare delle candid a gente un po’ più rappresentativa del mondo dello spettacolo? Ai pesci grossi? Perché non ci svelano cosa dice e come vive Valeria Marini o Mara Venier lontana dalle telecamere? Impavidi, a prendersela con Nando.

Chi pensi possa essere il vincitore del Grande Fratello 11?
Andrea Cocco perchè ho comprato 78 call center, corrotto tre autori del Grande fratello promettendo un carnet di opionioni faziose in una trasmissione a scelta tra Pomeriggio cinque e Guida al campionato, concesso favori sessuali a Francesco Facchinetti perchè interceda con la conduttrice e infine perchè lunedì sera metterò un baffo finto e mi presenterò come notaio addetto alla regolarità del televoto. No, dai. Perchè se lo merita. Perchè è dai tempi di Luca Argentero che non si vedeva un antitronista nella casa. Bello e pulito. Sei mesi dentro una casa senza imbracciare un'ascia e trucidare almeno un concorrente sono da premiare. Se la giocherà, il Cocco, con il “COCCO” dell’Italia del Sud (ma anche un po’ degli autori), Ferdinando. (che comunque non mi dispiace)

Ora sei ospite fissa nel programma di la3 "Glossip": il gossip in chiave glam è la tua passione? Ne sei mai stata vittima?
Il gossip mi diverte e lo pratico, ma l'unico modo per salvarsi dalla maldicenza compulsiva è ricordarsi che non è una cosa seria. La cosa buffa è che c'è una sorta di destino infame che mi lega al gossip. E' come se le notizie venissero a scovarmi, anche quando mi sto facendo beatamente i fatti miei. L'altra sera, per esempio, un mio amico decide di prenotare in un sushi in cui vado una volta l'anno. In una zona decisamente defilata. Dopo mezz'ora che ero seduta arriva Borriello con la nuova fidanzata. Riuscissi mai a finire un sashimi in santa pace. Per il resto, no, vittima del gossip non mi sono mai sentita. Ho scelto di fare questo mestiere e ne accetto le controindicazioni, che sono infinitamente meno numerose dei vantaggi. Non puoi scegliere di avere solo il meglio dalla popolarità, gongolare perchè hai sempre il tavolo migliore, perchè ti regalano scarpe e vestiti che costano come lo stipendio annuo di una commessa, perchè ti trovano il posto all'asilo per tuo figlio o entri nei locali gratis e lamentarti quando ti chiedono di fare la foto col telefonino o l'autografo al bimbo moccioloso o ti fotografano con chi non vorresti. Io mi piglio tutto (nei limiti del rispetto umano e del buon gusto) e non mi lamento. Poi, quando serve, mi difendo e mi imbufalisco pure. Ma senza piagnucolare.

Cosa sognavi di fare da bambina?

C'è un mio tema delle elementari in cui dicevo che volevo fare o la giornalista o l'attrice. Nel frattempo scrivevo le recite scolastiche. E mi chiedevo se esistesse un mestiere in cui il compito fosse quello "di criticare le cose". Credo che ci siano cose davvero scritte. C'è un determinismo, nelle inclinazioni, che alle volte è sconvolgente. Per questo l'unico tatuaggio che ho non è roba di draghi o fiorellini ma è la scritta "It's written" sul polso.

Il tuo ultimo libro letto e il tuo film del cuore.
L'ultimo letto è "La vita oscena" di Aldo Nove. Il film del cuore è difficile a dirsi. La scelta mi addolora per cui ti butto là tre titoli tra i primi che mi vengono in mente. "Le onde del destino" di Lars Von Trier. "Lost in translation" di Sofia Coppola. “The millionaire” di Danny Boyle. E le commedie dove le lasciamo? “Prime”, “Qualcosa è cambiato”, “Notting hill” , “Basta che funzioni”, “Forget Paris”… Quest’anno poi ho amato “Hereafter” di Clint Eastwood, meraviglioso. Ma ripeto, sono andata d'istinto e sono film legati a dei momenti belli, di sicuro c’era di meglio. E ‘ste domande (film/canzone/libro preferito) mi generano ansia, come stilare la lista degli invitati. Sai già che ci saranno dimenticanze clamorose.

Torniamo ai reality: dopo il Grande Fratello c'è L'isola dei Famosi. Hai partecipato come opinionista nella prima edizione. Com'è stato e com'è il tuo rapporto con Simona Ventura?
E' stato cordiale ma mai di grande intimità. Poi so che le mie cronache dell'Isola dei famosi l'hanno irritata e oggi a malapena mi saluta. Io le resto grata per avermi portata in tv per la prima volta quando ero una blogger sfigata, per il resto mi spiace che non sia autoironica. Non c'è mai accanimento o qualcosa di personale in quello che scrivo. Se ti sono piaciuta perchè scrivendo ridicolizzo Maria De Filippi, poi devi accettare che tocchi anche a te. In questo io sono un'incosciente, perchè lo so che poi queste cose c'è gente che se le segna. E non mi fa più lavorare nei suoi programmi. Ma è più forte di me e ho il merito (uno dei pochi) di incassare le critiche con l'ironia con cui vorrei le accettassero le mie vittime.

Proprio in quell'occasione hai conosciuto Laerte Pappalardo ed è stato amore. Avete avuto un bellissimo bambino ma poi, come accade spesso a molte persone, qualcosa si è incrinato. Se dovessi darti delle responsabilità o darle a lui sulla fine del rapporto, quali sarebbero?
La verità è che avevamo un contratto come i Cloonalis. Allo scadere del terzo anno non ho rinnovato perchè lui non mi ha rimediato una fiction in cui recitare male in inglese ma giusto un cameo in "Un medico in famiglia" e lì ho deciso che i Papparelli erano giunti al capolinea.

Nina Moric sembra essersi avvicinata a Laerte e tra i due sono "amore di qua" e "tesoro di là". Peccato che lui abbia una fidanzata e la madre di Laerte sia molto delusa: cosa ne pensi, da blogger/opinionista e da ex compagna di questa vicenda?
Da blogger opinionista penso che siano fatti loro. Da ex compagna penso che siano fatti loro. E che commentare pubblicamente la vita privata degli ex sia da sfigati almeno quanto l’abbinamento pinocchietto/borsello. Mi interessa solo che mio figlio cresca in un contesto sereno. Se poi nel mio destino c’è scritto che oltre che con i Pappalardo’s dovrò avere a che fare anche con i Moric e i Corona’s, aho’, vorrà dire che mi presenterò all’ “ufficio reclami karma pesanti”.

Il gossip è impiccione, lo si sa. Quindi ti chiedo: sei fidanzata? Ti interessa un uomo in questo periodo?

Si è appena chiusa la mia storia con Jude Law in maniera traumatica: ho scoperto che aveva una relazione con la babysitter di Gianna Nannini. E lui che io avevo una storia con Gianna Nannini. Sono ancora troppo turbata per parlarne e soprattutto, non te la prendere, per parlarne a un blogger morto di fame come te, per cui attendo il bonifico di Signorini e spiegherò tutto a "Chi" in esclusiva. Soffrendo molto. A parte gli scherzi, no, il posto “fidanzato” è vacante. Ma ho parecchi curriculum sulla scrivania. E con la crisi che c’è in giro, è giusto che faccia la mia parte in materia di assunzioni. Vedremo.

Anche Morgan è una persona che ha fatto parte della tua vita sentimentale. Come mai è finita la storia? Hai buoni rapporti con lui?
Con Morgan è finita perchè lui non approvava la mia vita dissoluta. Diceva che i miei salotti con Meluzzi e Erinela Bitri nuocciono alla salute più di una canna d’erba e che dire, aveva ragione. Siamo in buoni rapporti, come è giusto che sia tra due persone che si stimano e che non hanno motivo per nutrire rancore.

Ruby Rubacuori: cosa ne pensi di questa vicenda e delle Arcorine? Le indiscrezioni sembrano sempre peggiorare il contento delle "elegantissime cene ad Arcore"...
Il rischio che si corre è quello di trovare divertenti i risvolti naif della vicenda, gli sms ridicoli, i travestimenti, le statuine col pene sproporzionato, le intercettazioni involontariamente comiche, il bunga bunga, la cresta di Fede e tutto il resto, dimenticando che è tutto immensamente triste, ignobile, indecente. Questo è un passaggio fondamentale. Perché con la barzelletta sulla mela che sa di fica, la battuta sull’omosessualità lesbica e martufellate varie (e se Martufello mi querela per l’accostamento lo comprendo) Berlusconi mira a convertire lo squallore in nota di colore, la volgarità in autoironia, il reato in vizietto. Sull’eleganza delle cene ad Arcore stenderei un velo pietoso. Immagino che William e Kate per il loro ricevimento di nozze si ispireranno alle cene sofisticate di Arcore e inviteranno la regina Elisabetta a ciucciare lo sdrufolo della statuina di Priapo, certo. E che il premier Cameron tra il dolce e il caffè farà una bella battuta sulla pera che sa di culo.

Dai un aggettivo ad ognuna di queste persone? Barbara d'Urso. Simona Ventura, Paola Perego, Morgan, Max Giusti (tuo ex partner a teatro)
Barbara empatica. Simona Ventura bionda (dite che s'offende pure così?). Paola Perego solare. Morgan egoriferito. Max Giusti generoso.

Quanto conta la fedeltà in un rapporto?

Meno della carta fedeltà del negozio Jimmy Choo.

Tre tuoi difetti e tre tuoi pregi
Difetti: ipercritica. Esigente. Contorta. Pregi: passionale. Ironica. Generosa.

Sei anche mamma: che voto ti dai?
Me la cavo bene, ma ho pochi meriti. Ma mio figlio ha sei anni ma è incredibilmente indipendente, simpatico, affettuoso e acuto, per cui ad oggi è stato tutto in discesa. L’unica cosa che mi auguro per lui è quella di vivere di passioni, di avere sempre il coraggio e la tenacia nell’inseguirle e coltivarle. E non mi importa che le sue passioni somiglino alle mie, lo asseconderò qualsiasi cosa desidererà diventare. C’è una poesia bellissima, di Gibran, che dice: “ I vostri figli non sono figli vostri. Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di se stessa. Essi vengono attraverso voi ma non da voi, e sebbene siano con voi non vi appartengono. VOI SIETE GLI ARCHI DAI QUALI I VOSTRI FIGLI , VIVENTI FRECCE, SONO SCOCCATI INNANZI.”

Ultima mia domanda di rito. C'è qualcosa che non ti ho chiesto che vorresti dirmi?
Non mi hai chiesto cosa ne penso di Fukushima e della fusione del nocciolo. La Panicucci l’ha chiesto a Interrante e tu non vuoi conoscere il mio punto di vista sulla questione? Giordana del Grande fratello qualche mattina fa disquisiva di leggi sull’immigrazione e io sempre consultata su reality e minchiate varie?
Sempre pensato di essere sottoutilizzata nel mondo dell’opinionismo. Addio.

Grazie mille a Selvaggia per la disponibilità e la simpatia! In bocca al lupo per tutto!

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: