Processo per la morte di Michael Jackson - L'appello di Conrad Murray: "Non fate vedere le foto del cadavere alla giuria"

murrai michael jackson morte

Comincerà il 9 maggio il processo al dottor Conrad Murray, il medico accusato di omicidio preterintenzionale in relazione alla morte di Michael Jackson. L'accusa sostiene che Murray abbia abbandonato Jackson dopo avergli somministrato un potente sedativo con lo scopo di facilitarne il sonno. Com'è tristemente noto la dose si rivelò poi fatale e decretò la fine dell'avventura terrena del Re del Pop. Era il 25 giugno 2009. Poco più di un anno fa Murray si è dichiarato innocente ed è stato scarcerato dietro il pagamento di una cauzione di 75mila dollari.

Nel frattempo la difesa non è rimasta a guardare ed ha sempre continuato a portare avanti la tesi del suicidio: Jackson avrebbe assunto una dose extra di sedativo mentre l'imputato si trovava in un'altra stanza, un gesto che gli avvocati di Murray definiscono "disperato" e con molta probabilità scatenato dagli enormi problemi finanziari che affliggevano il cantante.

Adesso i legali del medico stanno cercando di scongiurare in tutti i modi che vengano mostrate alla giuria le foto del corpo senza vita di Michael Jackson in quanto "metterebbero a rischio il diritto del Dr. Murray di aver un giusto processo".

Queste foto sono crude, raccapriccianti e altamente pregiudizievoli. [Si rischia che] la giuria basi la propria decisione non sulle prove presentate ma sull'emotività.

Manca poco meno di un messe alla data della prima udienza si avvicina. Solo allora scopriremo se la richiesta della difesa verrà accettata.

Via | Yahoo News

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: