I Forconi, il movimento di manifestanti che sta semi-paralizzando il paese dallo scorso 9 dicembre, hanno acquisito due testimonial canori di eccezione: Gigi D’Alessio e Povia.

Come ricordiamo in passato, non è la prima volta che i due cantanti si espongono in maniera decisamente esplicita da un punto di vista politico e ideologico. Il concerto che Gigi D’Alessio tenne nella sua città in occasione della chiusura della campagna elettorale di Gianni Lettieri, candidato del PdL per la presidenza della Regione Campania, cantando ‘O surdato ‘nnammurato insieme a Silvio Berlusconi, è ancora nella memoria di tutti mentre le dichiarazioni e le invettive lanciate dal cantante de I bambini fanno Ooh sono ormai arcinote e hanno toccato svariati argomenti: la difesa della famiglia tradizionale, la faida con gli omosessuali, la lotta contro l’Europa, la difesa dell’identità nazionale ecc…

In poche parole, Gigi D’Alessio e Povia non hanno mai nascosto le loro simpatie nei confronti della destra italiana e il loro appoggio ai Forconi, movimento fondato da Mariano Ferro, ex militante di Forza Italia, di cui il leader è Danilo Calvani, ex leghista, e appoggiato anche da frange estreme della destra italiana come il partito Forza Nuova, è una nuova conferma delle loro idee politiche.

Povia ha fornito il suo sostegno personale ai manifestanti del casello di Modena Nord: il cantante si è fermato al presidio, ha parlato con i manifestanti e si è anche scattato qualche foto insieme alle forze dell’ordine.

Gigi D’Alessio, invece, oltre alla solidarietà ai Forconi, si è anche concentrato sulla grave situazione riguardante la Terra dei Fuochi, l’area situata in provincia di Napoli e Caserta tristemente famosa per la presenza di roghi di rifiuti tossici che stanno uccidendo gli abitanti di queste zone.

In che modo Gigi D’Alessio vuole aiutare queste popolazioni? Con un concerto.

Queste sono state le sue dichiarazioni rilasciate a Radio Marte:

Sto progettando un concerto in mezzo all’ autostrada, nel cuore delle zone avvelenate, per bloccare la regione ed il paese e far sentire la voce dei campani che stanno soffrendo. Se la mia voce può servire vorrei esibirmi davanti a decine di migliaia di persone nel cuore della Terra dei Fuochi. A causa delle ecomafie, della criminalità e della cattiva politica sono morti troppi bambini e tanti innocenti.

Foto | © Getty Images

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto