Per la prima volta, Roberto Vecchioni si sbottona sulla relazione tra la figlia Francesca e la compagna Alessandra in un’intervista rilasciata al settimanale Oggi. La canzone Due madri, contenuta nel suo nuovo album, Io non appartengo più, sarebbe stata ispirata proprio dalle due innamorate:

L’ho scritta per Nina e Cloe, che hanno due madri che si amano e anche moltissimo. Ho accompagnato io Francesca in Olanda per fare la fecondazione, è stato entusiasmante. Loro sono una famiglia. Quando sono nate, mi sono sentito rinascere, è stata una tale scarica di emozioni… Mi hanno regalato una seconda giovinezza. Io so che il mondo per loro cambierà. Sono un ottimista. E non mi sbaglio.

Il cantautore non teme che le nipotine possano subire i pregiudizi della società:

No, l’uguaglianza dei diritti prima o poi arriverà. Loro sono in due e si sorreggeranno sempre, e due madri innamorate come Francesca e Alessandra faranno sempre la differenza. Vorrei che ridessero, Nina e Cloe, come Amelia, l’altra mia nipotina, perché dove c’è amore andrà sempre tutto bene.

Il suo futuro affettivo è sgombro da nubi nere:

Ho voglia di godermi la vita, di stare con il mio clan, di viaggiare, di riempirmi gli occhi di posti, di cambiare casa. Ecco, a 70 anni sto cercando una nuova casa, i ragazzi se ne sono andati e noi abbiamo voglia di cambiare tutto.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto