Tra le tante leggende metropolitane di Hollywood ce n’è una in particolare che ogni anno si fa strada tra presunti scandali e mezze verità. Quella legata all’omosessualità di John Travolta, teoricamente sposato e con figli nonché ex sex symbol anni 80. Il segreto di Pulcinella, a detta di molti, un’autentica menzogna secondo l’opinione di altri.

Ebbene a difendere il collega ed amico dalle accuse ecco oggi arrivare Kirstie Alley, 52enne diva degli anni 80 e 90 che affiancò l’attore nella trilogia di Senti chi parla. La Alley, tra le altre cose, è anche uno dei nomi di punta di Scientology insieme a John.

“Lo conosco da 20 anni. Lo conosco così bene. Quando mi sono trasferita ad Hollywood mi hanno subito detto che un paio di persone con le quali stavo uscendo erano gay, ma io sapevo che non era vero. Era diventato un modo per rovinare gli attori, perché la gente avrebbe così iniziato ad ignorarli. Ho anche 3 amici che mi hanno detto di essere gay, ma non è vero, non sono gay. So chi è gay. E so chi è bisex. Lo so. Non si può non sapere qualcosa per così tanto tempo su qualcuno. So che John non ha mai fatto nulla con un uomo”.

Insomma, tra il delirante e l’onnipotenza la Alley ha così tramutato Travolta in un eterosessuale al 100%, quando in realtà sull’attore incombono denunce di vario tipo portate avanti da presunti ex, massaggiatori ed escort che chiedono a gran voce risarcimenti vari. John, lo ricordiamo, ha sposato per ben due volte Kelly Preston, conosciuta sul set del film Gli esperti americani. La prima volta non ritenuta valida perché officiata il 5 settembre 1991 da un ministro della chiesa di Scientology; la seconda, poche settimane dopo, certificata. Anche se a certificare l’eterosessualità di un uomo, da che mondo e mondo, non dovrebbe essere un matrimonio con una donna.

Fonte: ShowBizSpy

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto