In una serata di lutto mondiale per la morte di Nelson Mandela, c’è chi è riuscito a strapparci un sorriso. Se non proprio una fragorosa risata. Il soggetto in questione risponde al nome di Paris Hilton a cui l’account Twitter Deleted Tweets ha attribuito un curioso cinguettio che recitava così:

Riposa in pace, Nelson Mandela. Il tuo discorso “Io ho un sogno” è sempre stato davvero d’ispirazione per me. Sei stato un uomo straordinario.

Il tweet in questione, comunque, era palesemente un fake. E lo si capiva benissimo già prima che l’account generatore di tale mostruosità venisse oscurato d’improvviso. Già, chi mai penserebbe che la biondissima Paris possa confondere Nelson Mandela con Martin Luther King? Beh, in moltissimi a dire il vero. Migliaia di persone hanno infatti retwittato questo cinguettio, il cui screenshot era già sulla buona strada per diventare virale sui vari social network. Cosa arrestò la sua ascesa? Semplice: l’ira di Paris!

La fortunata ereditiera, infatti, non ha gradito questo scherzo satirico, e ce lo ha fatto sapere, a sua volta, tramite un tweet chiarificatore:

Chiunque abbia scritto quello stupido e falso tweet dimostra mancanza di rispetto nei confronti della perdita per cui l’intero mondo è ora in lutto. Lo stesso vale per i blog che l’hanno riportato.

Che cattivoni, eh? A ben guardare, comunque, la nostra Paris non ha tutti i torti: non dev’essere piacevole finire al centro di un polverone social senza averne la minima responsabilità. E soprattutto pensare che mezzo mondo stia ridendo alle tue spalle mentre tu, ignara, voli verso Miami sprovvista di connessione. Nel momento della creazione di questa bufala ai suoi danni, infatti, la Hilton se ne stava tranquillamente accomodata sul sedile di un aereo, del tutto inconsapevole di ciò che avrebbe visto una volta atterrata (e recuperato il wi fi):

Beh, in ogni caso tutto è bene ciò che finisce bene. Tanto più che l’account (forse un po’ troppo) burlone è stato sospeso. Insomma, chi di Twitter ferisce…

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Bufale Leggi tutto