Dopo aver chiesto con un’intervista maggiore rispetto nei suoi confronti per scongiurare danni “alle persone che mi circondano, dalla mia squadra alla mia famiglia, che leggono o ascoltano cose inventate o esagerate”, Mario Balotelli torna a parlare pubblicamente. Stavolta l’attaccante del Milan ha scelto di inviare una lettera a Verissimo, il rotocalco di Canale 5 in onda ogni sabato alle ore 16.
Nella puntata che sarà trasmessa il 7 dicembre Silvia Toffanin leggerà proprio la missiva, di cui sono stati anticipati alcuni passi. Il calciatore 23enne ha raccontato di voler “vivere come una persona normale” ammettendo che il più recente è stato “un periodo molto movimentato soprattutto per quel che mi riguarda”.

Molte volte ogni mio gesto anche un semplice tweet dedicato a un amico vero, un lottatore, uno sportivo sano come me, viene utilizzato per seconde letture, doppi fini che non mi interessano. All’estero non è così. Ci sarà un motivo se il Time mi ha inserito tra le cento persone più influenti al mondo.

Il riferimento è in particolare al tweet ‘This is the end’ scritto poche ore dopo il pareggio interno del Milan contro il Genoa (nonostante la squadra ospite giocasse in dieci per l’espulsione di un calciatore).
Il tweet fu subito interpretato da siti e giornali sportivi come l’annuncio dell’addio dal club rossonero, mentre invece trattavasi di commento al match perso dal lottatore armeno, amico di Balotelli, Giorgio Petrosyan.

Balo, che a quanto pare non avrebbe fatto alcun riferimento alla figlia (non riconosciuta) Pia Fico, ha poi ribadito la sua richiesta-desiderio:

So di essere un ragazzo fortunato ma a volte anche a me piacerebbe vivere come una persona normale.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Calciatori Leggi tutto