Una notizia pesante, pubblicata on line nella giornata di ieri dal solitamente attendibile sito TMZ. Paul Walker, morto sabato sera mentre sfrecciava a bordo della sua Porsche guidata da un amico, sarebbe deceduto a causa di una corsa clandestina che l’auto stava effettuando con un misterioso ed irrintracciabile suv.

Ebbene la polizia di Los Angeles ha smentito questa ricostruzione, sottolineando come nessuna corsa fosse in atto. Non c’erano altri autoveicoli nelle vicinanze e a quella velocità al momento dell’impatto mortale, che ha visto morire Walker tra le fiamme insieme all’amico Roger Rodas. La Porsche sarebbe quindi andata a sbattere contro un palo probabilmente a causa di un errore umano, dettato dall’altissima velocità dell’auto.

“Nessun testimone ha contattato il dipartimento per dire che c’era un secondo veicolo. È una zona calda per i pirati della strada. Si tratta di un lungo tratto dove nel fine settimana le aziende sono chiuse e nessuno si interessa di quella zona”.

Queste le parole di Rick Miler, agente della polizia stradale della California Highway, per un decesso che ha ovviamente traumatizzato Hollywood. Vin Diesel, compagno di set di Walker in Fast and Furious, è voluto tornare a salutare l’amico via Facebook, dopo le condoglianze della prima ora, scrivendo queste parole:

‘Pablo, vorrei che tu potessi vedere il mondo in questo momento … e il profondo impatto che la tua vita ha avuto su di esso … e su di me …
Io ti amerò sempre Brian, come il fratello che eri … sullo schermo e fuori’.

Fonte: ShowBizSpy
Fonte foto: Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più