Il fatto che ci avesse messo 8 anni per conseguire il diploma di maturità ed uno solo per conseguire la laurea triennale, sostenendo ben 29 esami, qualcuno (particolarmente malizioso, evidentemente) aveva insospettito.
La notizia è che Renzo Bossi, il figlio del leader della Lega Nord, Umberto, sarebbe tra gli studenti italiani indagati in Albania. L’inchiesta riguarda gli studenti fantasma degli atenei privati albanesi.
A rivelarlo è stato il ministro dell’Interno albanese, Samjr Tahiri, a Radio 24:

Sono una decina gli studenti italiani indagati a Tirana, per aver conseguito una laurea senza aver mai seguito le lezioni nelle università private albanesi.

E tra questi, appunto, ci sarebbe anche il figlio del Senatùr, che nel settembre del 2010 avrebbe conseguito la laurea triennale in Gestione Aziendale presso la Facoltà di Economia dell’università privata Kristal, a Tirana.

Gli imputati sono accusati di corruzione. Per quanto riguarda la possibilità che agli indagati, in caso di condanna, possa essere revocato il titolo di studio, il ministro si è mostrato più cauto affermando che “quella sarà una decisione amministrativa” e aggiungendo che “noi stiamo indagando anche su quanti vanno all’estero per individuare le persone che vogliono questa laurea e pagano”.

Da parte dell’ex consigliere regionale della Lombardia e talento indiscusso della politica italiana, colpevolmente emarginato dalla scena pubblica nostrana, non sono arrivate per il momento dichiarazioni nel merito.

Ricordiamo che secondo la ricostruzione dei magistrati di Milano che indagano sui fondi della Lega sottratti dalla famiglia Bossi, Renzo avrebbe speso 77mila euro per comprare la laurea. Io in libri e fotocopie in due anni avrò speso lo stesso, a Bari.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto