Matthew Fox ringrazia il padre: "Mi ha salvato la vita"

padre matthew fox

In quella parte del mondo si determina la mascolinità in base a quante punizioni riesci a sopportare quando si tratta di consumo di alcol, rincorrere le ragazze e vivere da pazzi. Io e i miei fratelli ci sfidavamo a vicenda a fare cose sempre più fuori di testa. Ma tutta quella sregolatezza aveva un lato oscuro. A 16 anni dieci dei miei più cari amici erano morti. Alcuni erano suicidi, altri avevano partecipato a delle risse e le avevano prese fino a morire. Altri erano usciti, si erano ubriacati, si erano messi alla guida di un macchina per poi addormentarsi sul volante. In posti come il Wyoming succedono queste cose. Anche io avrei potuto fare quella fine, ma mio padre intervenne e mi mandò in un collegio. Così mi ha salvato la vita.

Sapevamo della predilezione di Matthew Fox per le feste, ma non sapevamo che avesse rischiato le penne per una serata esagerata in compagnia di amici. Tutta colpa di un'adolescenza passata in un ranch del Wyoming, una stato d'America poco più piccolo dell'Italia ma con una popolazione di appena mezzo milione d'abitanti. Se non è desolazione questa...

Via | Female First

  • shares
  • Mail