Sharon Murphy ha inviato una lunga lettera aperta all’Hollywood Rerpoter circa le presunte nuove rivelazioni sulla morte della figlia Brittany. La madre dell’attrice scomparsa nel 2009 ha rotto gli indugi dopo essere venuta a conoscenza della teoria avanzata dall’ex marito Angelo Bertolotti secondo cui Brittany sarebbe stata avvelenata.

Non ho altra scelta se non quella di farmi avanti di fronte agli imperdonabili tentativi di macchiare il ricordo di mia figlia da parte di un uomo che sarà anche stato il suo padre naturale, ma non lo è mai stato realmente nel corso della sua vita. […] Le sue affermazioni si basano su prove inconsistenti e rappresentano più un insulto che un’analisi di quanto accaduto.

La signora Murphy ha poi accusato Bertolotti di essersi servito di un laboratorio di dubbia affidabilità per eseguire i test tossicologici sui capelli della figlia e, in pratica, di essere semplicemente alla ricerca di un po’ di notorietà alle spalle della figlia defunta. Pesante.

Ho cresciuto Brittany da sola. All’inizio non avevamo tanto, solo noi stesse. La nostra famiglia eravamo noi due, eravamo inseparabili e stavamo sempre l’una vicina all’altra, nel bene e nel male. Non mi ha mai abbandonato durante la mia doppia battaglia con il cancro ed io ero lì per lei quando ha dovuto affrontare le prime prove e tribolazioni della sua bellissima vita e carriera. Dopo il primo anno, Angelo non c’era più. Di certo non c’era nel corso dei 12 anni che ha trascorso in galera […] Angelo si è fatto rivedere quando Brittany era un’adolescente e cominciava ad avere un po’ di successo in programmi televisivi, appena prima di Ragazze a Beverly Hills. Ma lei si accorse subito di che tipo fosse, e non volle averci niente a che fare.

Dopo il lungo sfogo, Sharon Murphy si è poi lasciata andare allo sconforto per la perdita dell’amata figlia (“Non sapremo mai cosa è successo“), ricordando al tempo stesso le indagini approfondite delle autorità che fecero seguito al decesso della figlia. Sulla carta, il caso non è mai stato riaperto. Con questa missiva, la signora Murphy ha messo la parola fine anche sull'”indagine” mediatica.

Via | Hollywood Reporter

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Incidenti Leggi tutto