Sara Tommasi vola a Dubai e ribadisce: non sono una escort ma Berlusconi mi ha deluso

sara-tommasi.fotosexy

Finita nel RubyGate per vie traverse, Sara Tommasi è 'scappata' dall'Italia. Destinazione? Dubai. Ufficialmente una 'vacanza' per la showgirl, mai tanto indovinata nella tempistica, vista la tempesta scatenatasi qui in Italia.

Intervistata da Novella 2000, Sara ha ammesso di avere un pallino ben preciso, ovvero il sesso, e di non essere assolutamente una escort:

"Ho un bisogno irrefrenabile di sesso, ma non sono una escort". "Non sono una prostituta. È che mi sciolgono la droga nei bicchieri". "Certo, se un ministro mi offrisse 15.000 euro... ma è solo un'ipotesi".

Non contenta, la Tommasi ha rilasciato una dichiarazione anche all'Ansa, soffermandosi sul rapporto con il Premier Silvio Berlusconi:

"Non sono una escort. Sono vittima di persecuzioni e ricatti continui e non mi sento tutelata". " Silvio Berlusconi mi ha colpita positivamente la prima volta che l'ho visto, mentre oggi posso dire di essere delusa. Uno scandalo del genere può coinvolgere una starlette come me ma non un politico, che dovrebbe dare il buon esempio".

Dopo la pubblicazione degli sms intercettati, la Tommasi si prepara quindi a difendersi con le unghie e con i denti, dimostrando però di avere le idee ben poco chiare. Perché se non sei una escort 15,000 euro da un Ministro non li prendi. Mai e in nessun caso.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: