Fergie difende l'esibizione di Christina Aguilera al Super Bowl

fergie christina aguilera

Povera Christina Aguilera, ce l'hanno tutti con lei. Non per il fatto che abbia messo su un po' di chiletti (glieli abboniamo), ma per quello spiacevole vuoto di memoria durante l'esibizione di domenica sera al Super Bowl. Gli americani non sono come noi, le parole dell'inno nazionale se le ricordano tutte. Provate a sostituire una strofa con l'altra e avrete tre quarti di nazione contro, come è successo a Xtina.

In sua difesa scende in campo una collega, Fergie, anche lei esibitasi la sera dell'evento sportivo più amato degli Stati Uniti.

Sapete una cosa? È uno stadio enorme, i nervi prendono il controllo del tuo corpo. La capisco. È una delle migliori cantanti dei nostri tempi, nessuno può negarglielo. Ma a volte ci si innervosisce a questi eventi, siamo umani.

Facile parlare per lei: l'esibizione dei Black Eyed Peas è filata liscia come l'olio. Se poi vogliamo proprio fare i precisini, c'è da notare che molto spesso le parti di Fergie non superano il monosillabo ("Shut up, shut up!" o "No, no, don't lie") e sono di ben più facile memorizzazione.

Via | Perez Hilton

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: