Fino ad ora, non ci siamo mai occupati di Gabriele Paolini per le note vicende di sfruttamento della prostituzione minorile ma il disturbatore tv, ancora una volta, fa di tutto per far parlare di sè durante uno dei due processi (a suo carico) per un’incursione in un collegamento della Rai. Ha rilasciato, infatti, dichiarazioni spontanea che danneggiano sensibilmente l’immagine pubblica dell’ex Papa, Joseph Ratzinger (Benedetto XVI):

Ho conosciuto Joseph Ratzinger in una sauna per gay, a Torino, quando avevo 14 anni. Sono vent’anni che vengo ai processi. Oggi per me è emozionante perché vengo da detenuto per un altro motivo e perché è presente in aula mia madre. Nel periodo dei fatti che mi sono contestati in questo processo, gridavo di una infanzia rubata. Ho nella mia vita scelto di stare dietro ai giornalisti non per disturbare, ma per dire la mia verità. E per un motivo o un altro, la mia voce è stata sempre ascoltata a metà. Nelle due occasioni di cui si occupa questo processo chiedevo le dimissioni di Ratzinger.

I legali della tv di Stato, gli avvocati Marcello e Michelangelo Melandri, hanno chiesto che il tribunale competente trasmetta gli atti alla Procura per decidere i provvedimenti del caso:

Ci sono i profili per un procedimento di diffamazione.

Ancora una tegola sul capo di Paolini?! Quando uno se le cerca…

Fonte | Blitzquotidiano

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Italiano Leggi tutto