Ogni venerdì sera, oggi compreso, Gabriele Cirilli ci fa compagnia su Raiuno a Tale e Quale Show, dove ogni settimana cambia veste. Il comico sta vivendo un periodo particolarmente felice, non solo in tv ma anche a teatro con la commedia “Lui e lei”. Intervistato da Grand Hotel, Cirilli rivela che a regalargli così tante energie sul lavoro è soprattutto la sua compagna di vita, sua moglie Maria, al suo fianco da ben 32 anni:

Lei è la fonte di tutte le mie energie. È la donna che mi dà la gioia, quella vera. È la madre di mio figlio, la mia amministratrice, la spalla su cui mi sono appoggiato quando credevo di non farcela.

Per loro fu un vero e proprio colpo di fulmine:

La prima volta che l’ho vista aveva i jeans, le Clark, una camicetta con il maglioncino blu sopra, i capelli legati e un viso stupendo. Senza un filo di trucco. Mi innamorai subito. Sono passati 32 anni da quel giorno. Eppure l’immagine di lei, splendida nella sua semplicità, ce l’ho ancora impressa nella memoria.

Di quel giorno racconta ancora:

Avevamo 14 anni e frequentavamo lo stesso liceo ginnasio, a Sulmona, in Abruzzo, ma non ci eravamo mai parlati. Poi un giorno un mio amico, Carlo, mi ha invitato a casa di sua cugina. E lì c’era anche Maria. Appena entrai vidi questa ragazza vestita in modo semplice, non come le ragazze di oggi. E persi la testa. La cosa fu reciproca, ma lei me lo confessò dopo molti anni. Mi disse che vendedomi aveva pensato subito: “Questo sarà mio marito”.

Non si sono dichiarati subito, ma per tre anni sono stati amici. Fino a quel 13 ottobre 1984 dove è scattato il primo bacio a un ballo della scuola. Da allora non si sono più lasciati e lei, diventata farmacista, lo ha seguito a Roma quando lui ha deciso di intraprendere la difficile strada dello spettacolo. Anche per loro, come per tutte le coppie, ci sono stati alti e bassi, ma l’amore poi ha sempre avuto la meglio.

C’è solo una donna che può competere con sua moglie, per Cirilli, e non può che essere sua madre:

Sono molto mammone. Lei ha sempre una parola buona, riesce sempre a tirarmi su. Anche quando ho una delle mie fisse da ipocondriaco, la chiamo e lei mi rassicura.

Ma Maria è sempre Maria:

Lei è mia moglie, la madre di mio figlio. È l’essenza di tutto.

Una dichiarazione d’amore bellissima.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto