A breve in sala con l’atteso Il Lupo di Wall Street di Martin Scorsese, che potrebbe finalmente incoronarlo con quell’Oscar fino ad oggi scandalosamente sempre negato, Leonardo DiCaprio ha usato un po’ dei suoi soldi per sposare una buona causa. Attraverso la Leonardo DiCaprio Foundation, infatti, il divo ha donato 3 milioni di dollari al World Wildlife Fund per sostenere, nutrire e proteggere le tigre del Nepal.

“Il tempo sta per scadere per le 3.200 tigri rimaste in vita in tutto il mondo, uccise in gran parte dalla distruzione dell’habitat e dal crescente bracconaggio illegale”. “Il WWF, il governo del Nepal e le comunità locali sono in prima linea in questa battaglia , e io sono fiducioso che questa donazione possa aiutarli a superare l’obiettivo di raddoppiare il numero di queste nobili creature presenti in natura.”

Queste le parole di un rappresentante di DiCaprio, per un’offerta che ha per l’appunto l’obiettivo di raddoppiare il numero di tigri presenti nel mondo entro il 2022, prossimo anno cinese della tigre. Soldi che potranno rafforzare le pattuglie anti- bracconaggio e proteggere le principali zone di riproduzione nell’immenso parco naturale Terai Arc Landscape, in Nepal, ripristinando quei corridoi fondamentali per la dispersione e l’espansione della tigre, da monitorare e tenere d’occhio durante tutto l’anno.

D’altronde proteggere uno splendido predatore come questo aiuterebbe a mantenere intatte foreste e praterie, assicurando la prosperità di altri animali, vedi rinoceronti ed elefanti. Un investimento ricco, quello del divo hollywoodiano, da sempre molto legato alla beneficenza ma non solo. Nel mese di maggio DiCaprio spese quasi 40 milioni di dollari per un’asta d’arte targata Christie, a New York. Per poi buttarsi sulle sue amate ‘modelle’, e scendere in campo per salvare le tigri.

Fonte: AceShowBiz

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Straniero Leggi tutto