Non dev’essere semplice avere come vicino di casa Justin Bieber. Soprattutto se hai una vita diversa dalla sua e hai a che fare con un party che comprende circa cento invitati. Siamo a Calabasas, città della contea di Los Angeles, e il giovane cantante canadese ha finalmente fatto ritorno a casa dopo tutta una serie di scandali e provocazioni nate durante le sue ultime tappe del tour.

Forse per esorcizzare il tutto o semplicemente per festeggiare il suo ritorno momentaneo a Los Angeles, Bieber ha deciso di fare festa. E non una cena tra amici e qualche birra. No, no. Circa cento invitati, tra cui Snoop Lion.

E qui entra in gioco il vicino di casa che, stanco ed esasperato per la confusione e il chiasso, ha pensato bene di chiamare la polizia. E non una volta bensì… tre. La prima chiamata è stata effettuata all’una, poi alle tre di notte e, infine, alle cinque e mezza di mattina. Ha inoltre spiegato alla polizia che si poteva chiaramente sentire l’odore di marijuana provenire dall’abitazione. Insomma, non stavano infornando biscotti allo zenzero.

In tutte e tre le occasioni, la polizia si è presentata all’abitazione chiedendo di abbassare i toni e il livello di rumore ma non è mai stato chiedo di fermare i festeggiamenti, in nessuna delle tre visite.

Esasperato, l’uomo, alla terza volta, ha deciso di sporgere denuncia contro Justin per disturbo della quieta pubblica. La polizia deciderà se agire e intervenire contro il cantante.

Che meraviglia dev’essere avere Bieber come vicino di casa…

Via | TMZ

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto