silvio berlusconi 5 motivi per amare

In questi giorni, lo scandalo Ruby Rubacuori è al centro della cronaca italiana e internazionale. C’è chi è indignato da questa situazione e dal clamore degli avvenimenti e chi invece non vede tutto questo scandalo. Per questo, oggi, vogliamo darvi 5 motivi per amare Silvio Berlusconi, al centro di questo infinito e torbido Rubygate:

1) Silvio Berlusconi è il simbolo del macho italiano: non potevamo non aprire con questo argomento. E’ il periodo del Bunga Bunga e dello scandalo escort e presunte serate a luci rosse. Lui ha 74 anni. Le persone che conosco io a quell’età escono per andare a giocare a scopa (con le carte) o per spingere i nipotini sull’altalena. Sicuramente non sono Presidenti del Consiglio, ma non me li vedo circondarsi da tutte ragazze di circa 40 anni in meno di loro. Solitamente, se succede, ne hanno una sola e si chiamano badanti. Eppure ci sarebbe un giro incredibile di ragazze che vanno e vengono dalla villa di Arcore, roba da far concorrenza alla coda che si crea al Blu Tornado di Gardaland. Però questa cosa piace tanto agli italiani. L’idea di avere più di 70 anni ed essere ancora visto come un uomo sexy e corteggiato, fa partire a mille il tifo ormonale degli italiani. Non capiscono che il fenomeno di giovani ragazze intorno al Premier non è esattamente lo stesso che si creerà di fronte ad un 70enne operaio della Fiat, magari in cassaintegrazione. Ma è così. Piace. Un po’ come la folla di fan che si crea intorno ad un Rocco Siffredi, per capirci.

2) Silvio Berlusconi ha ascendente sulle donne: sempre in questo periodo di scandalo Bunga Bunga, quello che non capisco è la reazione di alcune donne di fronte a scandali del genere. Se io fossi dotato di seno e vagina, dopo queste notizie, avrei l’espressione di Linda Blair di fronte a padre Merrin, starei nitrendo come Furia cavallo del West e probabilmente avrei dato fuoco a qualche mio completo di Yamamay in pubblica piazza, come segno di protesta. Perchè l’idea di spaccarmi la schiena in qualche lavoro e di riuscire in qualche modo ad arrivare a fine mese, mi creerebbe un giramento di palle di dimensioni non indifferenti, nel sentire di buste da 5.000 e 7.000 euro che vengono regalate a fine di una qualsiasi cena dal Premier. Io solitamente porto una bottiglia di vino, quelle escono con collanine, ciondoli e liquidi. Quindi non capisco proprio le donne che non sono almeno un po’ stupite o indignate dinanzi a questi sospetti. Mi capita di sentire alcune donne che dicono “Eh, ma a casa sua può fare anche quello che vuole”. La classica risposta che comunque non ti aspetti da coloro che dovrebbero supportare donne che potrebbero essere scese a compromessi. E invece no. E allora, a queste persone che sostengono tanto la libertà chiunque di fare a casa loro quello che vogliono, auguro di avere, come prossimi vicini di casa: un collaudatore di petardi che soffre di insonnia, un soprano, un coltivatore di marijuana che la usa come terapia antidolorifica, tutta la famiglia di The Grudge, una confraternita di ballerine di Burlesque e 5 o 6 mignotte. Tanto è casa loro e possono fare quello che vogliono no?

5 motivi per amare silvio berlusconi

3) Silvio Berlusconi ama il telefono: Quasi più spaventoso di The Ring dove chi chiama ti dice che morirai entro 7 giorni. Quando chiama il Premier, ultimamente, sono cazzi amari. Perchè poi parte, vrum, a macchinetta e chi c’è dall’altra parte non ha ancora capito con chi sta parlando e si è già preso del fazioso, di colui che si deve vergognare e che è uno schifo. Poi aggancia il telefono e senti sempre quel “Tu.tu.tu.tu” che censura, in qualche modo, il tuo pensiero. Allora: vuoi dire quello che pensi? Allora vai in trasmissione! Ma non andare solo a Porta a Porta e Matrix. Vai ad Annozero, vai a L’infedele, vai a Ballarò! No. Non ci va. Poi gli partono i cinque minuti e prende il telefono. Io me lo vedo già, in pigiama, con le pantofole con la bandiera del Milan, mentre prende il telefono e chiama, iniziando a parlare senza nemmeno ascoltare. Se una sera vi capita di alzare il telefono e sentire una serie di accuse nei vostri confronti, prima di preoccuparvi, pensate che potrebbe essere il Premier che ha sbagliato numero e voleva chiamare Santoro. Ma la cosa che mi lascia sempre più interdetto è … che aggancia. Punto, bom, finito. Tu sei lì che aspetti che ci sia un confronto e invece no. Come quando scoreggio e poi esco dall’ascensore. Uguale.

4) Silvio Berlusconi è circondato da persone ‘discrete’: Braccio destro in questa vicenda è sicuramente Daniela Santanchè, in prima linea, in ogni occasione. Ospite da Santoro ad Annozero, se ne è andata prima della fine della trasmissione, dopo la vignetta di Vauro. Poi se ne va dal programma ‘Agorà’, dopo aver attaccato Vianello e ieri ha mostrato il dito medio come saluto a Luciana Littizzetto. All’appello manca solo il chewingum attaccato al campanello di Bruno Vespa a ‘Porta a Porta’ e poi siamo alla frutta. Accanto al Premier in questa delicata vicenda da chiarire, ci sono Emilio Fede e Lele Mora. Come i famosi trii di Qui, Quo e Qua, Il lungo il corto e il pacioccone e Aldo Giovanni e Giacomo, ora sentiamo spesso parlare di Silvio, Emilio e Lele. Tutti e tre parevano essere presenti a queste serate, con molte ragazze, e in una posizione da chiarire. E se Mora non l’ho sentito strillare dai giornali, Fede non ha perso occasione per ribadire la sua totale innocenza nella vicenda, parlando della generosità del Premier.

5) Silvio Berlusconi è sempre impeccabile: Questo è innegabile. Qualsiasi cosa accada, dalle polemiche per alcune barzellette allo scandalo Ruby Rubacuori, il Premier non appare mai, visivamente, provato. Nelle poche immagini e nei videomessaggi è un pochino alterato, ma non perde mai le staffe, capello in ordine, sempre pettinato. Forse è anche la bandiera che ha vicino a dare rigore ma, nei momenti difficili, lui non si scompone mai troppo. Poi lo immortalano, durante un incontro ufficiale, in una foto ‘stile scuola media‘ mentre fa le corna al vicino di banco, ma poco importa. Oppure quando abbandona Zapatero nella sala dei Galeoni. Infine, una cosa la invidio: le sue scarpe rialzate. Dai miei 1,75 cm di uomo, voglio profondamente quei tacchetti.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gossip Italiano Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più