La cantante Ivana Spagna è intervenuta durante la puntata odierna di Domenica Live, la trasmissione domenicale di Canale 5 condotta da Barbara D’Urso, per raccontare l’aggressione che ha subito da parte di due malviventi a Milano che l’hanno derubata, dopo averla fermata con un pretesto mentre viaggiava in automobile.

Ivana Spagna ha anche mostrato in diretta le varie ecchimosi causate dall’aggressione fisica. La cantante ha raccontato nel dettaglio ciò che è successo quel giorno:

Sto meglio ma resta la paura. E’ stata una sensazione brutta. Il 4 novembre ero stata con il manager a trovare i miei al cimitero. Torno a casa, mi sono trovata nella zona che costeggia la Fiera, c’era un semaforo rosso, mi sono fermata e ho sentito un botto contro la macchina e ho visto un signore che si copriva il viso e mi diceva: “Scusi, non l’avevo vista”. Io mi sono preoccupata per lui perché mi diceva che si era fatto male. Ho accostato e ho pensato a lui come una cretina. Ho aperto la portiera e un’altra persona si è fiondata dentro la macchina. Mi ha preso l’orologio ma faceva fatica a tirarlo a causa del cinturino. Io mi difendevo con i calci ma lui ha risposto con pugni e gomitate. Mi teneva per il collo e io gli ho anche dato un morso. E’ stata una lotta. Ho urlato: “Aiutatemi!”. E’ durata un bel po’.

La cantante ha aggiunto che non ha ricevuto nessun tipo di soccorso dai presenti ma non ha voglia di colpevolizzare nessuno:

La gente non soccorre perché ha paura. Io li capisco. Io ho sempre aiutato la gente, gli animali. Ho sempre dato una mano. Da ora in poi, se io vedrò una persona che mi batte sul vetro, io stavolta non mi fermo, chiamerò i Carabinieri e avvertirò.

L’intervista è terminata con Spagna che, dopo aver ringraziato le persone che l’hanno aiutata, ha dichiarato che sta smaltendo ancora i postumi di questo trauma:

Devo dire che dopo che è tutto finito, ho cercato di prendere la targa perché il viso era coperto. Ho chiamato il mio avvocato e mi ha detto: “Stai lì che chiamo i Carabinieri”. La mattina dopo ho fatto la denuncia ai Carabinieri che mi hanno anche portato al Pronto Soccorso. Vado avanti a pastiglie e continuo a raddoppiare la dose, come chiudo gli occhi, vedo questa “montagna” che mi vede addosso. Ho la sensazione di essere sola, ho fiducia nelle forze dell’ordine ma questi delinquenti dopo due giorni sono fuori.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto