Quali sono i rituali anti-iella dello showbiz nostrano? A ripercorrerli la puntata di oggi de La Vita in diretta, che ha dedicato un blocco alle scaramanzia dei famosi.

Grazie a Max Lazzari abbiamo appreso che Paolo Bonolis pratica “riti che si fanno, ma non si possono far vedere”. L’attrice Maria Grazia Cucinotta crede fermamente al malocchio, ritenendo che “l’invidia delle persone può far veramente male”: lei incrocia le dita per schiacciarla via.

Poi ci sono i “fissati” col sale. Pippo Baudo ne ha sempre un granello in tasca, Sofia Loren se lo faceva cucire nell’orlo dei vestiti prima dei concorsi di bellezza. Guai a passare la saliera a tavola a Elisabetta Canalis. Veronica Maya non la passa di mano in mano, ma preferisce poggiarla sul tavolo, prima che l’altra persona la prenda.

E, ancora, stravaganze varie. Miriam Leone conserva un baffo del suo gatto nel portafogli. Nino Frassica, quando incrocia in macchina una pecora, si ferma e la saluta. Federica Pellegrini tocca scaramanticamente il corpo vicino al collo prima di una gara.

La migliore resta, però, Annalisa Minetti. A dispetto delle sue origini nordiche, la cantante ha confessato un aneddoto irresistibile:

“Nonostante io sia di Milano mio papà diceva, hai molte fattezze di una napoletana. Mi porto indietro di tutto. A Sanremo avevo tre spicchi d’aglio nelle mutande. Perché? Assolutamente sì. Nella stagnola portate indietro”.

Marisa Laurito, invece, ha smentito lo stereotipo sui meridionali fissati con la sfortuna:

“Io non posso esservi utile quando mi contattate per interviste sulla scaramanzia. Io non sono mai stata superstiziosa in vita mia. Credo di essere l’unica attrice del teatro italiano che alle prime indossa il viola. Mi è capitato di indossarlo con Renzo Arbore, ha visto il cappotto viola inorridito. Naturalmente lo spettacolo è andato benissimo”.

A contraddirla Marina Ripa Di Meana che, sfoggiando di nuovo un copricapo a forma di corna messo al Cinema di Venezia, ha anche confessato i suoi riti apotropaici:

“Non è vero. La Laurito mi ha sempre detto che i compleanni non vanno mai passati nella propria città, ma bisogno partire. Io sono andata con queste famose corna a un esame medico e mi portarono bene, l’esame fu negativo. Poi, a proposito di viola, ricordo che una sera andai a uno spettacolo vestito di viola e Carlo Freccero mi buttò addosso una cosa rossa. Io per la verità il viola lo porto. Io una volta stavo girando un filmato in casa e a un certo punto si rompe lo specchio. Io, disperata, telefono una persona che sapeva tutto. Mi ha detto di farci pipì sopra e andare a buttare a Tevere. Con tutto che avevo tante persone in casa, l’ho fatto”.

Infine Paola Perego, che ha tirato le orecchie a John Peter Sloan per aver usato la parola sfiga su RaiUno, ha fatto il nome di Anna Oxa, quando si parlava di una cantante che ha cancellato un concerto a Padova perché il teatro sarebbe stato accanto al cimitero.
Le scaramanzie dei vip (foto)

Le scaramanzie dei vip (foto)

Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)
Le scaramanzie dei vip (foto)

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gossip Italiano Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più