Mel Gibson sbraita contro i poliziotti. Ancora una volta

Mel Gibson contro tutti al volante. Ma questa volta niente alcool ne' razzismo

Fino a 10 anni fa aveva Hollywood tra le mani. Cachet spaziali, una famiglia da record, premi Oscar sul comodino e incassi stellari. Poi con l'arrivo di The Passion, e relative polemiche, qualcosa è cambiato. Perchè Mel Gibson ha lentamente iniziato a perdere la testa. Prima il divorzio da 400 milioni di dollari con Robyn Moore, poi le accuse di antisemitismo, il fidanzamento con Oksana Grigorieva e la clamorosa rottura, con tanto di telefonate registrate e condite da minacce ed insulti, finite su tutti i siti di gossip del mondo.

In meno di un decennio la carriera di Mel Gibson è così sprofondata, tanto da sparire dai radar che contano. Fino a questo 2013, perché se a breve lo vedremo in sala con Machete Kills, tra poche settimane sarà sul set de I Mercenari 3 in qualità di 'villain'. L'attore sembra quindi essersi rimesso in carreggiata, se non fosse che le sue ormai celebri sfuriate contro tutto e tutti siano tornate d'attualità.

Gibson avrebbe infatti dato di matto sabato scorso, ad un normale controllo notturno della polizia. Secondo quanto riportato dal sito TMZ Mel avrebbe iniziato ad urlare come un forsennato contro il povero vigile, affacciatosi al finestrino solo per controllare la patente, chiedendo lui perché lo stesse 'molestando'. 'In passato ho avuto problemi con voi del commissariato di Lost Hills', avrebbe continuato ad urlare Gibson, fortunatamente sobrio e fermato proprio sulla stessa strada dove nel 2006 diede vita ad un vero e proprio show. In quel caso venne arrestato, perché ubriaco e colpevole di aver vomitato insulti antisemiti all'agente di turno.

Anche se ormai pronto a tornare al cinema con produzioni di un certo peso, il quasi 60enne Mel dimostra così di non essere affatto cambiato. Anche se il perché di tanta ira, visti i successi di una vita incredibile ancora oggi tangibili, non si riesce proprio a motivare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail