L’unico uomo al mondo riuscito nell’impresa di arricchirsi con un paio di mutande. Sono anni, infatti, che David Beckham fa soldi grazie alle sue parti basse. Prima con Armani ed infine con H&M, che ha addirittura lanciato una sua linea, l’ex calciatore inglese ha fatto furore.

Troppo furore, almeno secondo i suoi ‘agenti’. Calvin Klein, ovvero colui che proprio grazie all’intimo lanciò in orbita un giovanissimo Mark Wahlberg, allora ‘solo’ rapper, ha infatti dovuto bocciare l’ipotesi Beckham nel lontano 2006, come nuovo testimonial dei suoi slip. David sarebbe dovuto comparire al fianco della bella Natalia Vodianova, se non fosse che le richieste dell’entourage di Beckham avessero fatto spazientire lo stilista.

Il motivo? A spiegarlo lo stesso Calvin:

“Il ragazzo che abbiamo usato è anche lui un atleta. Io avrei voluto Beckham, e per questo avevamo contattato i suoi manager. Ci hanno detto: “Potete utilizzare la sua immagine in tutto il mondo tranne che nel Regno Unito, lì è troppo famoso”. Io gli ho risposto: “Noi vendiamo anche nel Regno Unito, che cosa dovrei fare lì? Usare qualcun altro?”. In pratica ci hanno detto di no fin dall’inizio. Quindi abbiamo usato quest’altro ragazzo”.

Per David, tra le altre cose, Calvin Klein sarebbe stata una piacevole novità, ma a quanto pare la popolarità raggiunta finì per saturare il suo ‘ugello’. Ad approfittarne, immaginiamo con gioia, un altro ex calciatore, ovvero Freddie Ljunberg, svedese che proprio con quella campagna fece ‘sudare’ donne (e uomini) di mezzo mondo.

Fonte: DS

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Calciatori Leggi tutto