L’edizione britannica di Marie Claire dedicherà la prossima copertina al fenomeno Lena Dunham. La serie creata da questa 27enne newyorchese, Girls, l’ha resa una celebrità molto particolare nel mondo dello spettacolo d’oltreoceano. In un panorama di stelle e stelline belle, magrissime e rifatte, Lena stupisce per il suo aspetto normale.

E proprio sul suo fisico, difficilmente definibile esile, si è scatenata l’attenzione della stampa a stelle e strisce. La diretta interessata, piuttosto che farne un dramma, è totalmente immune alle critiche/battute/offese sul suo aspetto.

Entrambi i miei genitori hanno un atteggiamento molto sano nei confronti del loro corpo […]. Mi hanno sempre fatto sentire carina, cool ed intelligente, anche nei momenti in cui ho capito che il mio corpo non rientrava negli standard tradizionali di Hollywood.

Possiamo dargli torto? A neanche 30 anni, la figlia è un’acclamata sceneggiatrice/attrice che ha firmato un contratto da 3 milioni di dollari per la pubblicazione del suo primo libro. Ed è solo l’inizio della sua carriera.

Ai microfoni della pubblicazione di moda, Lena ha rivelato un curioso dettaglio della sua infanzia (gli altri se li tiene per l’autobiografia).

Ricordo che bambina mi guardavo allo specchio, anche per un’ora di seguito, e mi dicevo: “Sono bellissima. Tutti sono così fortunati ad avere la possibilità di vedermi”. Naturalmente, le cose cambiano con il passare degli anni, ma potrei essermi aggrappata a quella sensazione bambinesca, di me da sola in bagno.

Con dietro una vasca piena di soldi.

Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls
Lena Dunham, la creatrice di Girls

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto