La notizia ha riempito i tabloid anglofoni perché è una di quelle che rattrista oltremisura: secondo quanto rivelato da Michael Caine, storico attore britannico, l’attore e collega scozzese Sean Connery, indimenticabile 007, soffrirebbe di Alzheimer e non sarebbe nemmeno più in grado di controllare se stesso e i movimenti.

Michael Caine ha rivelato al settimanale tedesco Bild am Sonntag che il collega, ormai 83enne, sarebbe in condizioni avanzate della malattia, tanto da far preoccupare chi lo circonda. La moglie di Sean Connery, Micheline Roquebrune, al suo fianco da moltissimi anni, avrebbe quindi organizzato un sistema molto fitto di controllo del marito per monitorarne i movimenti, tanto da lasciarlo raramente uscire da solo per paura che si perda per strada e non ritrovi la via del rientro.

La notizia della malattia di Sean Connery ha fatto immediatamente il giro del mondo, ma a quanto pare l’esternazione di Michael Caine che il collega non ricordasse nemmeno più la sua vita non è piaciuta alle persone vicine all’attore scozzese: pronta è stata una replica di una portavoce di Sean Connery, che ha seccamente smentito la dichiarazione di Caine sostenendo che sia stata incompresa dai giornalisti del Bild am Sonntag.

Nello stesso articolo sembra che Sean viva in Spagna, dove tutti sanno lui non vive. Questo articolo è stupido e nonsense. Non ho alcuna intenzione di dar credito a queste ridicole storie.

Nonostante la smentita diretta, la notizia è stata ripresa anche dalle principali agenzie di stampa, che hanno diramato il comunicato ripreso dall’intervista originaria sul Bild Am Sonntag. Il mistero della comunicazione si infittisce, perché il primo tabloid a riportare la notizia, il Daily Mail, ha i link non funzionanti per l’articolo sulla presunta malattia di Connery.

Noi di Gossipblog vi terremo informati qualora vi siano ulteriori notizie in merito.

(in aggiornamento)

Via | Bild am Sonntag, CourierMail, Scotsman

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più