Non è la prima volta che il principe William, dopo la nascita del piccolo George Alexander Louis, parla in pubblico del suo bambino e del suo nuovo ruolo da genitore. È però la prima volta che rilascia un’intervista televisiva nella quale parla del royal baby e delle incombenze di essere padre, e per farlo ha scelto la CNN che ha trasmesso oggi il video dell’incontro con il duca di Cambridge, avvenuto a pochi giorni dalla nascita nel giardino della sua dimora di Kensington Palace. Il futuro erede al trono d’Inghilterra ha subito scherzato sulla vivacità del piccolo George e sul fatto che non gli piaccia particolarmente dormire, cosa che condiziona – come immaginabile – anche la vita dei neo-genitori:

È un po’ monello, mettiamola così. Mi ricorda me o mio fratello quando eravamo piccoli, diciamo che sta venendo su bene. Sta crescendo molto rapidamente, in realtà è un po’ un ‘combattente’, si divincola continuamente, non vuole dormire più di tanto.

A dire il vero, come succede spesso anche nelle comuni coppie, è la mamma ad avere il compito più ingrato, come conferma William, precisando che la gestione dei ‘turni notturni’ con George spetta a Kate. Il principe ha anche ammesso di non vedere l’ora di tornare al suo lavoro come pilota del Royal Air Force, nella speranza di poter dormire un po’ di più:

Beh, come alcuni padri sanno, sono in realtà molto impaziente di tornare al lavoro per dormire. Quindi sto solo sperando che i primi turni al lavoro non siano quelli notturni.

Il duca di Cambridge ha poi ricordato il momento in cui lui e Kate, all’indomani della nascita del primogenito, sono comparsi sui gradini del St. Mary Hospital di Londra per mostrare al mondo, per la prima volta, il piccolo:

Penso sia stata la sensazione più elettrizzante che abbia mai provato, ma ero così al settimo cielo, proprio come Kate, che siamo stati felici di mostrare George a chi voleva vederlo. Come ogni neo genitore sa, sei davvero felice di mostrare il tuo bambino e, si sa, vorresti dire al mondo intero che lui è il più bello o il migliore.

C’è il tempo anche per una battuta sulla cosa che ha meravigliato i padri di tutti il mondo, quando all’uscita della clinica per il ritorno a casa, William è riuscito, benché circondato da centinaia di fotoreporter, a sistemare agilmente George all’interno dell’auto, senza alcuna incertezza. Ma il duca ammette di essersi allenato per quel momento:

Credetemi, per me non era la prima volta. So che ci sono state alcune speculazioni sul fatto che avrei fatto pratica, e l’ho fatta davvero. Ero terrorizzato al pensiero che potesse cadere o di non chiudere bene la portiera.

Il fatto di aver portato lui stesso a casa la sua famiglia, mettendosi al volante dell’auto, non ha tanto a che fare con la volontà di rendere la monarchia più moderna, quanto con l’esigenza di fare ciò che si sente:

Sono e voglio essere molto indipendente, così come Catherine e Harry. Siamo tutti cresciuti in modo diverso rispetto alle altre generazioni e voglio fare ciò che mi sento di fare. Ci sono momenti in cui non si può fare da soli e il sistema prende il sopravvento, o in cui è proprio il caso di fare le cose in modo diverso. Ma penso che guidare per portare a casa, lontano dall’ospedale, mio figlio e mia moglie fosse davvero importante per me.

William ha persino imparato a cambiare i pannolini, appena nato suo figlio:

Ho cambiato il primo pannolino, si tratta di un distintivo d’onore. Non mi è stato permesso di farla franca, avevo ogni ostetrica che mi fissava, dicendo:. ‘Fallo, fallo’.

Presto il suo impegno come pilota della RAF, dopo tre anni, si concluderà, e il duca precisa che in questo momento la priorità è la sua famiglia:

Per me, Catherine e adesso il piccolo George sono le mie priorità – e Lupo.

Lupo è il cane della coppia reale, cane che sembra aver reagito bene all’arrivo del bambino in famiglia:

Sta affrontare tutto bene, in realtà. Come può capire tanta gente che ha avuto cani e ha portato un nuovo neonato, i cani si prendono un po’ di tempo per adattarsi, ma con lui è andato tutto bene finora. Lupo per un po’ ha sbavato intorno alla casa, quindi è perfettamente felice.

Diventare genitore, come immaginabile, gli ha davvero stravolto la vita:

Le ultime settimane per me sono state un’esperienza molto diversa dal punto di vista emozionale, qualcosa che non ho mai pensato potesse capitarmi. È stato solo un breve periodo, ma ora ci sono un sacco di cose che mi toccano in modo diverso.

E noi naturalmente lo capiamo.

Fonte: CNN

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più