Lui si è sempre professato innocente, ma l’accusa è grave. Omissione di soccorso dopo aver causato un incidente in auto. Il tutto sarebbe avvenuto a maggio, quando Chris Brown tamponò un veicolo. La vittima del tamponamento, Olga Gure-Kovalenko, denunciò il rapper, colpevole di non averle fornito l’assicurazione e il libretto di circolazione, andando via dal luogo dell’impatto.

Un reato, per la legge della California. Assolto per due dei presunti reati commessi, vedi guida senza patente e guida senza assicurazione, Chris ha però deciso di costituirsi, sotto consiglio del proprio avvocato, recandosi di sua spontanea volontà in carcere, nella giornata di ieri, per presentarsi ai vigili.

Una mossa per evitare di tirare troppo la corda con la giustizia americana, che lo vede già di suo in libertà vigilata dopo aver picchiato l’ex fidanzata Rihanna, e di fatto protagonista di altri episodi tutt’altro che pacifici. Con questa inattesa trovata la prossima settimana Brown sarà definitivamente in tribunale, e qui, finalmente, scoprirà il proprio futuro.

Perché se giudicato colpevole per omissione di soccorso, Brown finirà in galera. Per 4 lunghi anni, che potrebbero di fatto troncargli la carriera musicale, rimasta clamorosamente in piedi dopo il mai dimenticato pestaggio del 2009.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più