Ad 11 anni era già in tv, mentre a solo 18 anni conquistava il mondo con Baby One More Time. Oggi 32enne madre di due figli, Britney Spears ha vissuto un’intera esistenza sotto i riflettori, pagandone il suo prezzo. Pochi anni fa l’esaurimento nervoso, che sembrò mettere in serio pericolo la sua carriera, fino alla ripresa di quest’ultimo biennio, che l’ha vista persino giudice ad X-Factor Usa, nonché ‘coach’ di un gruppo di adolescenti.

Per questo motivo, molto probabilmente, i produttori di Justin Bieber si sono affidati proprio a lei per provare a rimettere in carreggiata l’ex baby fenomeno della musica Usa, ormai 19enne e da almeno un anno letteralmente ‘scatenato’, tra tatuaggi, nudi su Instagram, sputi, scimmiette disperse, feste da sballo, botte ai paparazzi e canne fumate. Secondo quanto riportato da una fonte al The Sun, proprio Britney avrebbe infatti provato a tirare le orecchie al sempre più esplosivo Bieber, sbattendogli in faccia la dura realtà. Perché a precipitare giù, dopo aver toccato la vetta con un dito, non ci vuole nulla:

“Il team di Justin ha chiesto a Britney di fare un discorso al ragazzo. E così lei ho ha messo in guardia circa il pericolo di finire in riabilitazione, o anche di morire, come succede a giovani star”.

Come e cosa abbia risposto Bieber alla ‘sgridata’ della Spears, ovviamente, nessuno può saperlo. A breve in tour per due anni a Las Vegas, la popstar si è splendidamente ripresa dopo l’addio al manager-fidanzato Jason Trawick, grazie alla vicinanza di David Lucado. 6 anni dopo il crollo di nervi che la vide impazzire, la cantante è ancora sotto l’ordine conservativo di tutela dei beni, che vede il padre tutore legale. Tutto questo dopo aver persino perduto l’affidamento dei figli, tra il 2007 e il 2008. Chi meglio di lei, in sostanza, per mettere in guardia Justin Bieber, in evidente delirio di onnipotenza a cui tutto è concesso, e chiamato ufficialmente a darsi una calmata, prima che sia troppo tardi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Straniero Leggi tutto