Ha un sito internet personale, disponibile anche in lingua inglese. È mamma, fa volontariato e in passato ha scritto un libro dal titolo Gradisca, presidente, oltre che aver posato per l’immancabile calendario. Lei si definisce probabilmente con orgoglio la escort più famosa al mondo. Si tratta di Patrizia D’Addario, la donna che ha fatto esplodere gli scandali sessuali dell’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Oggi la escort torna a far parlare di sé per aver preso parte qualche giorno fa ad una serata benefica a Trani, in Puglia. Infatti da qualche tempo colei che incastrò il Cavaliere registrando le telefonate che intercorsero prima e dopo i loro caldi incontri è testimonial di Aiti, l’Associazione italiana tutela dell’infanzia.
A Trani si è presentata di bianco vestito, in segno evidentemente di purezza, ed ha raccontato di aver vissuto da piccola insieme a bambini vittime di violenze. Poi ha assicurato di essere sempre stata sensibile a tali tematiche. Qualche tempo fa al settimanale Oggi la D’Addario aveva invece dichiarato:

Ho perso tutto, soldi e speranze. Sono diventata una taglia 38, ho problemi di salute, ho perso la mia dignità e anche mia figlia. Per tutelarla, quattro anni fa l’ho mandata in un collegio e non l’ho quasi più rivista fino a poche settimane fa. Oggi vivo grazie all’aiuto di mia madre (…) Sì, c’è stato un ragazzo, per un anno. Si prendeva cura di me, io di lui, stavamo bene, vivevo per lui. Ma ho dovuto sopportare le aggressioni e il giudizio della sua famiglia, e tutto è finito. L’unica cosa che in questi anni non ha mai smesso di regalarmi il sorriso è il volontariato. Mi occupo di bambini abbandonati e vittime di violenza. Ma di questo non si parla mai.

Oggi abbiamo compiuto una bella azione, soddisfacendo la richiesta implicita di visibilità di Patrizia.

Foto via Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto