Catherine Zeta-Jones è tornata a casa a fine maggio, dopo essersi sottoposta spontaneamente, come già accaduto in passato, a una cura in una clinica specializzata per i suoi problemi di bipolarismo. Il cancro alla gola che ha colpito suo marito, Michael Douglas, ha contribuito ad acuire questi problemi, ed è stato quindi necessario intervenire nuovamente per risolverli o tentare di farlo.

A distanza di quasi due mesi, l’attrice ha quindi scelto di parlare dei suoi problemi nel nuovo numero della rivista Stella, spiegando appunto che la malattia di suo marito le ha provocato, come logico, uno stato tale di prostrazione da incidere sulla sua serenità metale:

Quando si viene colpiti da un evento del genere, si innesca un meccanismo per cui è logico che ti senti un po’ ‘fuori’. Non dormire, la preoccupazione, lo stress. È un innesco classico. Quando a Michael venne diagnosticato un cancro ho pensato davvero ‘Mi dovranno raccogliere dal pavimento’. È una cosa che accade a chiunque, è uno shock enorme quando tutto inizia a crollare e pensi ‘Mio Dio, sta davvero succedendo a noi’.

Ma nel periodo peggiore, quello in cui sembra che tutto vada in rovina, ecco arrivare una forza inaspettata:

In un primo momento ho pensato che non avevo gli strumenti emotivi per affrontare una simile prova, ma è incredibile come la forza arrivi. Il sostegno è arrivato dalla famiglia, dagli amici, e anche da sconosciuti.

A darle coraggio e a farle sperare per il meglio c’è stata poi la forza d’animo di Michael Douglas, un uomo che non si è fatto piegare dalla malattia:

Lui è una persona molto realista. Quando gli è stato diagnosticato il cancro ha reagito in questo modo ‘Okay, che cosa devo fare?’. Voleva quella cosa fuori dal suo corpo e ha lottato per questo. È stato faticoso, ma lui ha conservato sempre il suo senso dell’umorismo.

I loro bambini sono stati messi subito al corrente delle condizioni del padre, e affrontare insieme la malattia li ha resi una coppia più forte:

Con i bambini è stato molto sincero. Nessun segreto. Sono andati con lui e lo hanno visto sottoporsi ai trattamenti. Insieme abbiamo tutti affrontato tutto. Questa cosa ci ha avvicinati. Ma io non lo auguro a nessuno.

Ora comunque è tutto un ricordo, lei è uscita dalla clinica più forte e insieme al marito può superare qualsiasi cosa. Anche le sue gaffes, specialmente se le scuse sono accompagnate da una collana di diamanti.

Fonte: Aceshowbiz

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto