Ancora lui. Sempre e soltanto lui. Leggenda del calcio inglese degli anni 90, visto anche in Italia grazie alla maglia della Lazio, Paul Gascoigne è stato infatti arrestato. Il motivo?

L’ex calciatore, oggi 46enne, ha aggredito l’ex moglie Sheryl in una stazione ferroviaria di Stevenage. Non contento, ‘Gazza’ si sarebbe scagliato anche contro una guardia di sicurezza. In evidente stato di ebrezza, a detta dell’inglese The Sun, Gascoigne è stato subito arrestato, per poi tornare a casa su cauzione, dopo aver comunque passato 12 ore al buio di una cella.

Solo pochi mesi fa Paul era stato ad un passo dalla morte, tanto da finire in una clinica di riabilitazione. Le cause, ovviamente, erano legate all’abuso di alcool, che da decenni caratterizza la sua chiacchierata esistenza. Una volta uscito dalla rehab Gascoigne giurò di non voler più toccare una goccia di vino e/o birra. Ma così, è evidente, non è stato.

Dopo 6 anni di amore, Paul sposò Sheryl nel 1996, per poi divorziare 3 anni dopo, nel 1999. Da quel matrimonio nacque un bimbo, Regan Paul, oggi 17enne. 3 anni di nozze costellati da botte e litigi furibondi, negli anni ‘ammessi’ dallo stesso Gascoigne. Mentalmente instabile, come da tempo tutti sanno, e per questo di nuovo pericoloso. Soprattutto per la povera Sheryl, colpevole di averlo ‘amato’. E poi ‘dimenticato’.

Fonte: Mirror

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Calciatori Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più