La cantante rumena Alexandra Stan, che ha raggiunto il successo in molti paesi del mondo grazie ai milioni di copie vendute con i singoli Mr. Saxobeat e Lollipop, ha dichiarato di aver ricevuto maltrattamenti da parte del fidanzato e manager, Marcel Prodan.

Come potete vedere dalla foto, la cantante si è mostrata senza filtri, con il volto tumefatto dalle violenze subite. La cantante dance, 24 anni, intervistata dal tabloid rumeno Cancan, ha ammesso di aver ricevuto violenze da parte del fidanzato-manager, per oltre un anno, soprattutto per questioni legate ai guadagni della cantante.

Alexandra Stan ha presentato una denuncia ai danni dell’ormai ex fidanzato che, dopo le percosse, ha tentato di giustificarsi con i fans tramite un messaggio pubblicato sulla pagina Facebook della cantante, utilizzando una scusa particolarmente odiosa (sempre nel caso che le dichiarazioni della Stan corrispondessero al vero):

Alexandra Stan è rimasta vittima di un incidente. Si sta riprendendo. Vi saranno date maggiori informazioni. Alexandra Stan Management.

A quel punto, la stessa Alexandra è intervenuta in prima persona, ammettendo le violenze subite da Prodan che si sarebbero consumate a Constanta, in Romania. L’artista dance, successivamente, è stata ricoverata presso l’ospedale della città.

La Stan, nonostante l’azione penale ai danni di Prodan, ha affermato di aver comunque perdonato l’uomo:

Io l’ho perdonato. Non sono io a doverlo perdonare ma è lui a dover perdonare se stesso. So che gli dispiace e mi dispiace che non se ne sia accorto in quel momento. Sono un essere umano, non mi piace essere arrabbiata con nessuno. Una fine è sempre un nuovo inizio. Questo danno fisico mi aiuterà a crescere e a pensare mille volte di più prima di prendere una decisione. Non potrei mai fare del male, voglio solo difendermi.

Marcel Prodan non ha ancora risposto alle accuse che gli sono state mosse da Alexandra Stan.

La speranza, ovviamente, è che la giustizia faccia luce definitiva in questa brutta vicenda.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto