Elisabetta Canalis è di nuovo single da qualche tempo e ha pensato bene di regalare all’edizione spagnola di GQ una sorta di vademecum con qualche pratico consiglio per poterla conquistare. L’ex velina mora più amata della tivvù italiana dimostra di avere le idee molto chiare in quanto a seduzione e dice di non essere ossessionata dalla propria bellezza perché tanto “non si potrà essere perfette per sempre, quindi l’importante è sentirsi bene con se stesse”.

Sì, ma finché la bellezza dura, tanto vale approfittarne, magari collezionando spasimanti in adorazione e pronti a tutto per rendere il loro desiderio realtà. Da oggi l’impresa sarà molto più facile considerando che la Canalis ha fornito alla rivista una serie di dritte su come arrivare al suo cuore (o a tutto ciò che lo circonda). Prima di tutto il look: camicia bianca e jeans sono l’outfit perfetto per un aspirante Canalissino, assicura la showgirl. Meglio ancora se il candidato in questione deprechi Whatsapp in favore di una bella telefonata perché “adoro quando gli uomini fingono di ascoltarmi”.

L’ex valletta del primo Morandi-Sanremo assicura poi che proprio non le dà fastidio l’idea di concedersi al primo appuntamento, anzi, a quanto dice, le fa piacere che un suo corteggiatore pensi fin da subito a passare la notte con lei. Dovesse però optare per una serata cinema, sarebbe pregato di lasciar perdere film horror o quelli sottotitolati in cecosclovacco in favore di commedie romantiche, per quanto la conversazione intelligente sia alla base dei prerequisiti richiesti da Elisabetta.

In caso di due di picche, insistere si può, sì. Ma non troppo. La velina mora per antonomasia rivela che un secondo tentativo di approccio non si nega a nessuno, sempre che sia fatto in modo gradevole e delicato, ma che al quarto rifiuto non esclude la possibilità di tirare un bel pugno sul muso del pretendente. E non mettiamo certo in dubbio che la Canalis possa farlo considerato che, come tiene a precisare, da un anno e mezzo pratica la Krav Maga. Già, cosa sarebbe?

Qualche anno fa stavo guidando a Los Angeles quando vidi un gruppetto di persone praticare la Krav Maga, un nuovo tipo di arte marziale ideata per combattere il terrorismo. Poco tempo dopo tornai in quel posto e cominciai anche io a cimentarmi in questa disciplina. Ora la pratico quotidianamente da un anno e mezzo e vorrei che fosse più conosciuta anche in Italia perché sarebbe utile soprattutto per le donne che vogliono imparare a difendersi in casi di pericolo.

Quindi Eli mena o potrebbe benissimo farlo, siete avvisati. Ah, e visto che la stampa spagnola evidentemente non sorvola sulle domande più hot, la giornalista iberica che si è portata a casa l’intervista alla showgirl ci toglie pure un’ultima curiosità: “A letto le dimensioni contano per te?”. Il “No” di risposta della Canalis farà tirare un sospiro di sollievo a molti, ne sono certa. C’è speranza per tutti?

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto