Kris Kross

Cominciamo ad emergere le prime ipotesi dietro la morte improvvisa di Mac Daddy, il rapper 34enne divenuto famoso negli anni ’90 con il duo Kris Kross. Stando alle fonti di TMZ, Chris Kelly – questo il vero nome dell’uomo – sarebbe rientrato nel tunnel del droga in seguito ad un concerto tenutosi tre mesi fa ad Atlanta.

Kelly, insieme al compare Chris “Daddy Mac” Smith, erano tornati ad esibirsi insieme a febbraio dopo anni lontani dalle scene. La performance si era rivelata un successo ed aveva attirato l’attenzione di pubblico e media. Il ritrovato interesse dei fan aveva lasciato intravedere una serie di prospettive molto allettanti per una formazione che aveva trascorso gli ultimi 15 anni lontana dalle scene che contavano: un tour negli Stati Uniti, magari nel mondo, e poi un disco.

Sfortunatamente Mac Daddy non avrebbe gestito al meglio la situazione e, con un conto in banca di nuovo pieno, sarebbe ricaduto nel vizio della droga, con un particolare interesse per la cocaina e l’eroina. Si è poi scoperto che l’MC aveva avuto in passato problemi di tossicodipendenza da cui era riuscito ad uscire soltanto negli ultimi tempi. Qualora l’ipotesi della ricaduta si confermasse veritiera, la tanto attesa reunion sarebbe implicitamente responsabile per la prematura scomparsa dell’ex bambino prodigio.

Non resta che aspettare conferme dai risultati dell’autopsia. Gli esiti saranno resi noti a breve.

Via | TMZ

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cantanti Leggi tutto