Sino a poche settimane, e per circa due anni, Katy Perry è stata la testimonial della GHD, famoso marchio britannico di prodotti per capelli, in particolare piastre. La cantante era stata ingaggiata come testimonial nel 2011 con un contratto da 4,5 milioni dollari, ma recentemente la Perry aveva dichiarato di dover ancora ricevere dalla società 2 milioni di dollari, promessi con un accordo verbale per estendere il contratto di un altro anno.

Jamella Group Ltd., il gruppo proprietario della GHD, non ha però gradito queste dichiarazioni è ha reagito intentando una causa conto la cantante, depositando lo scorso 11 aprile una citazione secondo la quale non esisterebbe alcun accordo verbale tra la Perry e la GHD:

“È indiscutibile che le parti non hanno mai firmato un tale accordo”.

Per rendere la propria posizione ancora più inattaccabile, la compagnia britannica ha specificato di non voler rinnovare il contratto alla cantante, perché non sarebbe abbastanza famosa in Europa per rappresentarli. Questa è stata però la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha portato Katy a minacciare di procedere contro la GHD per violazione del contratto orale e per diffamazione.

L’addetto stampa della Perry ha così commentato la vicenda col sito Tmz:

“Il tentativo di imbarazzare Ms Perry con commenti diffamatori su di lei in una causa pubblica è vergognoso… Vogliono uscire dall’accordo per un cambio di proprietà e cercano di buttare fumo negli occhi per nascondere la loro malafede”.

A questo punto l’ultima parola spetterà a un giudice.

Fonte: Aceshowbiz

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto