Marco Mengoni vince l’edizione 3 di X-Factor. Gossipblog vi propone i messaggi di alcuni suoi fans raccolti da un forum del web. A voi piace Marco? Vittoria meritata o no?

– ciao marcolino…. mi permetto di chiamarti così perchè ormai ci sei entrato nel cuore a tutti come puoi facilmente notare facendoti in giro in questo forum di pazzi……… Bè sicuramente leggerai dei messaggi più interessanti del mio sia perchè non sono un granchè a scrivere ( il prof di italiano ali liceo mi ha traumatizzato ) sia perchè non ho di certo la competenza tecnica musicale per poterti giudicare come invece, sono sicura, altri qui dentro sapranno fare…… Detto ciò ti scrivo a circa un’ora dall’inizio della finale prima di sapere come andrà a finire (ValeStella817)

– Caro Marco, pensavo di scriverti tante cose, di fare un bel pistolotto e spiegarti la vita, l’universo e tutto quanto; e cosa cantare e come cantare e patapim e patapam.
Ma stasera con Fool on the Hill mi hai veramente strappato il cuore, a me che sono un vecchio cinico. E allora ti auguro soltanto di seguire la tua anima; mantieni il tuo bellissimo spirito critico ma non ti sentire mai solo: ci sarà sempre chi ascolterà le tue mille voci.
P.S.: se vuoi ti regalo i miei dischi dei Talking Heads
P.P.S.: mi dai il numero di telefono di tua mamma? (Mambu)

– Caro Marco, io ti lascio scritta una sola parola: Grazie. (Strawberry Fields)

– Non cambiare mai, sei grande! (Athelas)

– A Marco allora, se mai leggerà. Sei stato l’unico motivo per cui ho guardato X-factor fino alla (ad oggi) semifinale, quindi non so se ringraziarti o detestarti, non so nemmeno se sono una tua fan o solo una telespettatrice fulminata. Ma sono felice di “esserci stata” quando hai portato con infinita attenzione “Il nostro concerto” dagli anni ’60 a noi. È stato un regalo. Sono stata colpita anche da molte altre esibizioni (Ashes to Ashes, Helter Skelter, Insieme a te sto bene… anche se il talento era evidente da Man in the Mirror in poi) ma la “reincarnazione” di Bindi è stata capace di emozionarmi fino alle lacrime ad ogni riascolto, oltre ad essere il “solito” piccolo capolavoro del fenomenale Marco. Mi sa che è ormai chiaro… propendo per il grazie, ma non so come ringraziarti se non continuando a comprare i tuoi pezzi. Spero di sentirti ancora e sempre meglio. Ps. scappaaaaaaaaaa! (dall’Italia… naturalmente solo dopo un megatour con tappe in tutte le città delle tue ormonelle: non voglio essere seviziata dalle fan italiane). (Giulia)

– Marco, studia. Studia musica, impara a scriverti le parole, almeno a buttare giù quel che vuoi esprimere e poi farti aiutare da un autore che sappia quel che fa, uno di TUA scelta. Non dovevi smettere di andare a scuola, questo te lo ha detto già la mamma, ma ora forse capisci perché: chi ha gli strumenti culturali è capace di ribellarsi (e tu avevi il potere di farlo!), e soprattutto non si fa cacciare in gola a forza robaccia, intimidito da gente più “importante” di lui. Devi capire che quel tipo di gente va usata, non devi farti usare tu. Devi combattere e devi importi. Ma devi anche avere in mano qualcosa da proporre. Tu sei un George Michael, sei un Prince, acquista questa sicurezza ti prego. Ma cerca anche di diventare un artista completo, senza aspettare che qualcuno pensi a te. Non ci penseranno, quelli. (Cornelia)

– in più di una occasione hai manifestato sentimenti rock, lo vuoi un consiglio? fai quel genere di musica e lascia perde il pop. (killer73)

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cantanti Leggi tutto