L’attrice 28enne Martina Stella è stata intervistata dalla conduttrice Silvia Toffanin, durante la puntata odierna di Verissimo. L’attrice toscana si è raccontata a tutto tondo, parlando della sua recente maternità e del periodo di analisi al quale si è sottoposta per superare una serie di attacchi di panico.

La Stella è diventata madre lo scorso 30 ottobre 2012, di una bambina di nome Ginevra. L’attrice ha ammesso di essere una madre molto apprensiva ma ha anche dichiarato che il suo compagno, lo stylist Gabriele Gregorini, conosciuto sul set della fiction Tutti pazzi X amore e di 5 anni più piccolo di lei, è molto presente:

Sono una mamma apprensiva, il mio compagno, invece, è tranquillo e istintivo. Mi ha colpito la sua normalità, istintivamente riesce a calmarmi, abbiamo un bel feeling, mi ha conquistato. E’ un insieme di cose. Con lui, è scattato un colpo di fulmine pazzesco. Mi sono fatto problemi per la differenza di età ma poi mi sono lasciata andare. L’arrivo di Ginevra non era programmato ma è stato un dono.

Martina Stella, che tra un mese ritornerà al suo mestiere di attrice, ha anche parlato del successo conquistato da giovanissima con il celebre film L’ultimo bacio di Gabriele Muccino:

Ho inseguito un sogno. Ho avuto la fortuna di riuscirci da piccola e ho cavalcato l’onda del momento. Ho imparato dai miei errori, ho imparato il lavoro sul campo. Studio recitazione da piccolissimi ma ho imparato dai grandi registi che mi hanno scelto. Ho avuto critiche, tanta attenzione dei media sulla mia vita privata. Quando sei giovane, diventa destabilizzante.

L’attrice, di conseguenza, ha deciso di rivolgersi ad una psicologa, soprattutto dopo una serie di attacchi di panico che non riusciva a spiegarsi. L’attrice ha lanciato un bel messaggio riguardo l’aiuto che si dovrebbe chiedere agli altri in situazioni come queste:

Sono una persona che si fa aiutare. Non ho problemi a chiedere aiuto. Ho avuto degli attacchi di panico e non capivo perché. Sono andata in analisi e ho capito che era tutto da rifare, che c’erano cose in profondità che non volevo vedere e mi creavano turbamenti. Il percorso non finisce mai. L’analisi mi piace perché è un viaggio dentro di me che mi ha aiutato tantissimo soprattutto in questo ambiente. Sono sensibile, timida, e mi ha aiutato anche nell’interpretare i personaggi.

Tornando al suo ruolo di genitore, Martina Stella ha aggiunto:

Ho fatto il passaggio da figlia a genitore. Devi abbandonare il ruolo di figlia per essere madre. E’ un passaggio che mi ha reso più forte e indipendente.

Foto | © Getty Images

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto