Manila Gorio contro Irama: "Il verso 'Fare a pugni con quel trans' è riferito a me. Si scusi e corregga il testo"

Manila Gorio è intervenuta nella polemica riguardante il nuovo singolo di Irama.

Il nuovo singolo di Irama intitolato Stanotte sta provocando un putiferio per un verso della canzone che l'opinionista, attivista ed ex deputata Vladimir Luxuria ha definito "transfobico", invitando, quindi, le radio a non trasmetterlo.

La canzone, contenuta nell'album Giovani e nella riedizione dell'album, Giovani per sempre, pubblicata dopo la partecipazione di Irama al Festival di Sanremo, era già nota sostanzialmente dal 19 ottobre 2019, giorno della pubblicazione dell'album in questione ma la polemica è esplosa solamente in questi giorni.

Su Soundsblog, potete trovare le dichiarazioni di Vladimir Luxuria rilasciate a riguardo.

Nella polemica, però, si è inserita anche Manila Gorio, conduttrice televisiva, modella e social influencer trans, che, recentemente, ha fatto parlare di sé per la sua relazione con l'ex fidanzato di Grecia Colmenares.

Stando alle dichiarazioni di Manila Gorio, Irama si sarebbe reso protagonista di un episodio spiacevole nei suoi confronti e che il verso della canzone incriminato, quindi, sarebbe ispirato proprio a lei.

Per la cronaca, il verso del brano è il seguente: "Voglio chiudermi in un bar, poi spogliarti sulla metro, fare a pugni con quel trans".

Ecco il messaggio pubblicato da Manila Gorio sul proprio profilo ufficiale Instagram:

Ricordo ancora quella sera a Milano caro Irama, dove insieme al tuo gruppetto di amici, mi avete deriso e aggredita di parole... La tua canzone, ricordando quel vostro gesto ignobile, dovrebbe essere bandita da ogni diffusione. Faccio appello affinché Irama mi faccia le sue scuse e corregga il testo della sua canzone che cita “quel trans”, bene quel trans ha un nome, una dignità, una storia! Quel trans come ti sei divertito a cantare sono io!

In passato, parlando del brano, Irama aveva già rispedito al mittente le accuse di omofobia.

  • shares
  • Mail