Maxi Lopez: "Wanda Nara voleva diventare la mia procuratrice, ma rifiutai"

La showgirl aveva provato anche a proporsi come agente dell'ex marito.

Il calciatore Maxi Lopez, ex marito di Wanda Nara, non si è fatto convincere come Icardi. L'uomo  ha svelato un curioso retroscena sulla showgirl argentina in un'intervista al giornalista argentino Fernando Niembro:

"Wanda mi chiese di diventare la mia procuratrice, ma le dissi di no. Ci sono donne molto capaci per questo lavoro, ma bisogna tenere separati la professione e la famiglia, io non volevo mischiare le due cose. Vedendo come stanno andando le cose, tra le tante scelte sbagliate che ho fatto quella fu giusta. Credo che Wanda utilizzi un tono sbagliato per parlare con i dirigenti italiani, il linguaggio del calcio è diverso e non lo impari da un giorno all'altro. Penso che i dirigenti dell'Inter si siano stancati di questo e il rendimento di Icardi non è più lo stesso. Gli agenti spesso fanno la differenza perché sanno leggere le situazioni, un calciatore di un certo livello deve avere al suo fianco una persona di un certo livello".

Wanda Nara, moglie di Mauro Icardi, centravanti dell'Inter, ha convinto in tutti i modi il consorte a non rinnovare il contratto con la società nerazzurra, fino a non farlo convocare per la sfida di Europa League contro il Rapid Vienna e a  vedersi ritirare la fascia di capitano per darla al portiere Samir Handanovic.

La scorsa settimana infine la stessa Wanda ha rivelato a Tiki Taka la sua versione dei fatti:

"Consideriamo l'Inter la nostra famiglia, la nostra volontà è quella di rimanere. Non vogliamo in alcun modo lasciare il club. C'è chi dice che la fascia di capitano non ti cambia, sbagliato. A Mauro è come se avessero tolto una gamba. Lui indossa questa maglia con orgoglio, tutti sanno che tipo di persona è. Mauro non ha mai e dico mai pensato ai soldi. Lui è attaccato alla maglia dell'Inter e portava la fascia con un orgoglio, la onorava continuamente. Tutta la nostra famiglia tifa Inter, Mauro è il primo a credere in questa squadra e vuole trascinarla al successo. Se le mie dichiarazioni hanno dato fastidio? Non ho avuto avvisi in questo senso, io sono sempre in contatto con l'Inter e con loro ho fatto riunioni durate anche tre ore. Per me la decisione è stata una sorpresa, l'ho saputo tramite Twitter".

  • shares
  • +1
  • Mail