Justin Bieber, 'ero depresso, dipendente dal sesso e dalla droga'

Intervista a tutto campo su Vogue Usa per Justin Bieber.

Dopo quasi 2 anni di silenzio, e un matrimonio lampo con Hailey Baldwin, Justin Bieber si è concesso una lunga intervista su Vogue Magazine, con tanto di splendida cover di coppia con l'amata moglie.

Il cantante canadese ha affrontato gli anni più bui della propria vita, vissuti tra il 2013 e il 2018, tra tossicodipendenza e depressione.

"Sono stato davvero depresso durante il Purpose tour, ne ho parlato poco e sto ancora elaborando così tante cose che ho taciuto: ero solo, avevo bisogno di un po' di tempo". "Mi sono ritrovato a fare cose di cui mi vergognavo tanto, essere super-promiscuo e roba del genere, penso di aver fatto uso di Xanax perché mi vergognavo così tanto: le droghe mettevano uno schermo tra me e quello che stavo facendo. Era tutto molto cupo. Arrivavo a notte fonda per controllare il battito, per vedere se respiravo ancora".

Ora come ora Justin beve raramente e non fa più uso di droghe pesanti dal 2014. Con la Baldwin, a lungo solo sua amica, è esploso un amore inatteso, che l'ha visto addirittura diventare casto. I due non hanno fatto sesso fino al matrimonio, non a caso arrivato dopo solo 12 settimane di "fidanzamento".

Penso che il sesso possa provocare molto dolore. A volte le persone fanno sesso perché non stanno bene con se stesse. Perché non danno valore a se stesse - ha spiegato Bieber -. Io volevo tornare a dedicarmi a Dio in quel modo perché sentivo che era giusto per la mia anima. E Dio mi ha ripagato con Hailey. Questo è stato il risvolto positivo. Vieni sempre ripagato se ti comporti bene.

"La castità è stata una delle migliori decisioni che abbiamo mai preso. Penso che il sesso possa provocare molto dolore. A volte le persone fanno sesso perché non stanno bene con se stesse. Perché non danno valore a se stesse. Io volevo tornare a dedicarmi a Dio in quel modo perché sentivo che era giusto per la mia anima. E Dio mi ha ripagato con Hailey. Questo è stato il risvolto positivo. Vieni sempre ripagato se ti comporti bene. Quando l’ho rivista lo scorso giugno, ho capito che mi ero dimenticato dell’amore che provavo per lei e dell’impatto che lei poteva avere nella mia vita. Mi sono subito detto: “È lei quella che cercavo”".


  • shares
  • +1
  • Mail