Fabio Ferrari: "I ragazzi della terza C fu un successo dirompente. Una volta al bar dovetti chiamare i vigili"

Fabio Ferrari racconta gli effetti del successo clamoroso ottenuto alla fine degli anni ottanta con I ragazzi della terza C: "Diventai famoso in tre secondi, fu dirompente. Una volta al bar dovetti chiamare i vigili"

Il pubblico l’aveva già conosciuto al cinema grazie a Vacanze in America, ma per Fabio Ferrari la vera popolarità arrivò con I ragazzi della terza C. Qui interpretava l’ultraripetente Enrico Lazzaretti, noto a tutti come Chicco, personaggio a cui diede il volto per tutte e tre le stagioni della serie.

Diventai famoso in tre secondi – ha raccontato Ferrari a I miei viniliquando uscì I ragazzi della terza C eravamo illustri sconosciuti. Fu una cosa forte e dirompente”.

Trasmesso su Italia 1 dal 1987 al 1989, il telefilm sarebbe stato replicato decine e decine di volte negli anni a seguire.

“Nel giro di un mese e mezzo, dopo 4-5 episodi, eravamo diventati delle star. Una volta dentro un bar mi capitò addirittura di dover chiamare i vigili urbani. Se il successo lo vivi nel tempo ti abitui, ma di colpo no”.

Ferrari ha ricordato anche una cerimonia dei Telegatti, alla quale prese parte: “Arrivai in macchina davanti al teatro Manzoni, feci due passi e sentii ‘ahhhhhhhhhh’, urla incredibili. Pensai: ‘sono una vera star’”.

  • shares
  • +1
  • Mail