Temptation Island, Lara Zorzetto: "Michael De Giorgio ha tirato fuori il peggio di sé, ora voglio un amore folle"

"Avrei voluto avere a fianco un uomo che mi dicesse semplicemente che stavo bene così com'ero, invece lui ha peggiorato le mie insicurezze"

lara.jpg

Intervistata dal settimanale di Uomini e Donne, Lara Zorzetto di Temptation Island ha raccontato che "prima di entrare nel programma avevo una certezza: ero sicura che sarei uscita con lui. Pensavo che Michael, messo alla prova, mi avrebbe dimostrato il suo amore". Le cose, evidentemente, non sono andate così:

È stato tutto il contrario. Il destino ha in serbo qualcosa di diverso sia per me che per lui. Oggi, dopo aver versato tante lacrime, credo di meritarmi un po’ di felicità, quella che sono sempre andata a cercare. Credo che anche lui se la meriti. A volte bisogna allungare una mano, ed è giusto, nonostante tutto che anche lui trovi una persona che lo sappia amare per ciò che è.

Quindi, sempre a proposito di De Giorgio, l'ex compagno, ha aggiunto:

Michael in tre settimane è riuscito a tirare fuori il peggio di sé. C’è un altro Michael che io ho avuto modo di conoscere. Le tante persone che in questi giorni commentano la mia esperienza di coppia a Temptation Island dovrebbero pensare che il mio ex fidanzato non è solo quello che è apparso in tv, c’è del buon anche in lui.

La giovane donna ha inoltre raccontato di essere stata oggetto, quando andava a scuola, di bullismo:

Mike ha peggiorato queste mie insicurezze non facendomi sentire mai abbastanza per lui. C'era sempre qualcosa che io facevo in maniera sbagliata. Molti miei gesti o sforzi non ricevevano il rispetto e la considerazione che avrebbero meritato (...) Avrei voluto avere a fianco un uomo che mi dicesse semplicemente che stavo bene così com'ero.

A proposito del single Giuseppe al quale Lara si è avvicinata durante il reality ha rivelato che "ci siamo sentiti anche fuori" e che "quello che accadrà, lo scopriremo solo vivendo".

Di sicuro lei ha voglia di innamorarsi:

Voglio un amore folle, da farfalle allo stomaco, che ti mangia dentro, dove non servono mille parole per capirsi. Cerco un complice, l’uomo che mi faccia sentire un reciproco senso di appartenenza. Il mio modo di amare puro, semplice e umile. Cerco il mio principe azzurro un po’ dannato e un po’ tatuato.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail