Massimo Giletti a Lourdes: "predispone l’anima ad affrontare le difficoltà”

Massimo Giletti è tornato a Lourdes dopo un anno complicato, tra addio alla Rai e successo di ascolti su La7.

ROME, ITALY - NOVEMBER 07: Massimo Giletti attends a photocall for the MAXXI Acquisition Gala Dinner 2016 at Maxxi Museum on November 7, 2016 in Rome, Italy.  (Photo by Elisabetta Villa/Getty Images for MAXXI )

In attesa di tornare su La7 con il talk 'Non è l'Arena', Massimo Giletti ha confessato al settimanale Oggi quella che è stata una tappa delle sue vacanze estive. Un viaggio a Lourdes, da lui conosciuta quando aveva appena 10 anni, grazie alla nonna materna Bianca Maria. Un tempo crocerossina in guerra, fu proprio la nonna a far capire al piccolo Massimo quanto fosse importante "conoscere le persone invisibili. Le persone che soffrono, magari accanto a noi, e che noi non vediamo”.

Negli ultimi decenni Giletti c'è tornato decine e decine di volte, aiutando il mese scorso un gruppo di pellegrini di Novara a farsi il bagno nelle piscine.

“L’estate scorsa ho saltato il mio tradizionale impegno con Lourdes perché ho attraversato un periodo complicato, dopo la chiusura del programma L’arena su Rai 1. E quest’anno sono stato felice di aver ritrovato un luogo e un mondo che sento vicini, che mi appartengono”. “Mi è capitato di prestare servizio a Vittorio Micheli che è guarito miracolosamente da un cancro proprio a Lourdes”. “A Lourdes la spiritualità si fa intensa. A me capita quando di notte mi siedo un po’ in disparte, al di là del fiume Gave, e guardo la Grotta della Madonna da lontano. Sei solo, hai il tempo per pensare e riflettere anche su te stesso. Lourdes predispone l’anima ad affrontare le difficoltà”.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail