Rita Dalla Chiesa su Aida Nizar: "Non credo che possa avere un futuro in tv"

Il duro attacco di Rita Dalla Chiesa contro Aida Nizar del Grande Fratello

rita_dalla_chiesa_instagram_2018.jpg

Rita Dalla Chiesa, veterana della tv italiana, dalle pagine del settimanale 'Nuovo', ha sferrato, negli scorsi giorni, un duro attacco nei confronti di Aida Nizar del Grande Fratello che si è resa protagonista di un episodio assai bizarro con un bagno (non di folla) nella fontana di Trevi a Roma che le è costata una multa assai salata:

Non mi sono scandalizzata perchè è entrata nella fontana, visto che l’hanno fatto tante altre persone, ma per l’arroganza con cui ha risposto ai vigili. Si è permessa di dire: ‘non potete farmi la multa perché io faccio televisione. Non sapete chi sono io?’. Che lei abbia avuto i suoi cinque minuti di notorietà in tv non mi interessa perché per una convivenza civile tutti devono rispettare le stesse regole. Se avesse fatto un gesto simile in Spagna le avrebbero fatto un TSO (trattamento sanitario obbligatorio per gravi patologie psichiatriche ndr) e l’avrebbero ricoverata nel primo nosocomio.

Per la conduttrice, l'ex gieffina spagnola, con questa uscita, si è bruciata ogni altra opportunità lavorativa facendo svanire, sul nascere, le possibilità di entrare a far parte del cast della prossima edizione del Grande Fratello Vip:

Non credo che Aida possa avere un futuro in tv. Con il suo bagno nella Fontana di Trevi, si è tagliata le gambe da sola, visto che non c'è stata alcuna sommossa popolare per difenderla dai vigili che le stavano facendo la multa. Le persone presenti alla Fontana di Trevi non l’hanno riconosciuta e questo vuol dire che l’hanno già dimenticata.

La Nizar ha commesso un unico ma grave errore:

La trovo una donna bellissima ma penso che si sia giocata male le sue carte sia in Italia sia in Spagna. Avrebbe dovuto dosare meglio quel minimo di popolarità che l'ha travolta senza mettersi a gridare come un'ossessa ogni volta che si è trovata davanti una telecamera accasea. L'educazione e la classe sono tutto nella vita. E restano fondamentali per costruire una carriera destinata a durare nel tempo.
  • shares
  • +1
  • Mail