Selvaggia Lucarelli contro Asia Argento: "Non sei la paladina delle vittime di molestie, per anni a letto con bavoso potente e ora frigni"

Contro l'attrice, che ha rivelato di essere stata molestata alcuni anni fa da Harvey Weinstein, anche Vladimir Luxuria

selvaggia-lucarelli.jpg

Selvaggia Lucarelli commenta sui social la rivelazione di Asia Argento, che nelle scorse ore ha raccontato di aver subito, alcuni anni fa, molestie da Harvey Weinstein, potentissimo produttore hollywoodiano da giorni finito nel tritacarne delle polemiche dopo le confessioni di, tra le altre, Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie.

La giornalista de Il Fatto Quotidiano non solidarizza con l'attrice e regista (con la quale in passato non sono mancati scontri, anche in tv a Ballando con le stelle - entrambe sono ex di Morgan), ma la attacca pubblicamente:

Leggo dal sito dell'Ansa:
"Nel '97, Asia Argento racconta di aver ricevuto un invito per un party della casa produttrice: quando arrivo' pero' non c'era alcuna festa, ma fu portata nella suite di Weinstein. Li', nonostante lei abbia ripetutamente tentato di sottrarsi, e' stata costretta a subire del sesso orale, dopo che Weinstein le sollevo' la gonna. "Mi terrorizzava, era un uomo troppo grosso per me. E' stato un incubo", ricorda l'attrice, che alla fine di quel rapporto disse: "Non sono una prostituta". E Weinstein - racconta - comincio' a ridere. "Non ho detto nulla finora perche' avevo paura che potesse distruggermi come ha fatto con molte altre persone. Che potesse rovinare la mia carriera".
Argento ricorda quindi di aver poi frequentato per anni il produttore, avendo con lui anche rapporti consensuali: "Sembrava ossessionato da me, mi faceva molti regali costosi". Ma quell'episodio iniziale ha comunque segnato la sua vita per anni: "Mi sono sentita responsabile. Se fossi stata una donna forte gli avrei dato un calcio nelle palle e sarei scappata. Ma non l'ho fatto. E' stato un trauma orribile".
Ora. Francamente. Vai a letto con un bavoso potente per anni e non dici di no per paura che possa rovinare la tua carriera.
Legittimo.
Frigni 20 anni dopo su un giornale americano raccontando di tuoi rapporti da donna consenziente tra l'altro avvenuti in età più che adulta, dovendo attraversare oceani, con viaggi e spostamenti da organizzare, dipingendoli come "abusi".
Meno legittimo.
Ad occhio, sono abusi un po' troppo prolungati e pianificati per potersi chiamare tali. E se tu sei la prima a dire che lo facevi perché la tua carriera non venisse danneggiata, stai ammettendo di esserci andata per ragioni di opportunità.
Nessuno ti giudica, Asia Argento.
Però ti prego. Paladina delle vittime di molestie, abusi e stupri, anche no.
Facciamo che sei finita in un gorgo putrido di squallidi do ut des e te ne sei pentita. Con 20 anni di ritardo però.

Questa faccenda di Weinstein, produttore potente e bavoso di Hollywood, che molesta le attrici presenta numerosi punti...

Pubblicato da Selvaggia Lucarelli su Mercoledì 11 ottobre 2017

Per la cronaca, anche Vladimir Luxuria ha espresso forti critiche rispetto alla confessione pubblica operata dalla figlia di Dario Argento:

2017-10-11_191141.png
2017-10-11_191215.png

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 440 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA&LIFESTYLE DI BLOGO